Svizzera, 08 ottobre 2019

Il PLR promette di versare un centesimo per il clima per ogni voto ricevuto, ma sbaglia il calcolo finale di uno zero

Sulla stampa domenicale e tramite comunicato stampa, il PLR ha annunciato una singolare iniziativa per raccogliere consensi da cittadini preoccupati dalla presunta emergenza climatica e allo stesso tempo “contribuire” a risolvere la stessa. Il PLR vuole compensare il costo medio delle emissioni di CO2 per ogni voto che viene dato ai suoi candidati in Svizzera, "compresi i voti di panachage", versando un centesimo per ogni voto ricevuto alla Fondazione Myclimate.

Per il responsabile della comunicazione del PLR della Svizzera romanda, Fanny Noghero, questo centesimo servirebbe a coprire "le emissioni di carbonio prodotte dalla produzione di materiale di voto e il movimento medio di un chilometro in auto per recarsi alle urne".

Il PLR si mostra quindi molto generoso, dal momento che molte persone non useranno la macchina per andare a votare. Peccato che la somma finale dell'operazione sarà molto più onerosa di quanto abbiano stimato. Nel comunicato infatti, il partito calcola che questa iniziativa gli costerà tra i 4'000 e i 5'000 franchi. Più persone voteranno per lui, più dovrà pagare: "Per una volta, speriamo che i costi di questa campagna siano il più alti possibile", ironizzano nel comunicato.

E i liberalradicali difficilmente rimarrano delusi. Il portale “LeMatin” ha infatti calcolato i costi dell'operazione di un solo cantone, Vaud, prendendo come paragone i voti ricevuti dal PLR nel 2015. E ne è venuto fuori che nel solo canton Vaud la fattura dell' operazione sarebbe di 8867 franchi e rotti.

facendo lo stesso il calcolo in tutti i cantoni il risultato è che il PLR dovrà sborsare oltre dieci volte in più rispetto ai 4'000 o 5'000 franchi che avevano preventivato. Errore di battitura (voluto per attirare l'attenzione dei media?) o di calcolo, rimane da vedere se l'elettorato PLR premierà la svolta verde del partito, dopo che il partito ha già approvatou na tassa compresa tra i 30 e i 120 franchi per biglietto aereo e un aumento delle imposte sul carburante. 

Guarda anche 

Le case anziani tentano di riaprirsi verso l’esterno

Da settimane ormai gli ospiti delle case anziani si trovano “blindati” all’interno delle strutture, senza poter ricevere le visite dei parenti. E’...
24.03.2020
Ticino

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine

Arriva l’ufficialità: annullati i nostri Mondiali di hockey!

ZURIGO – Lo si immaginava, lo si supponeva e si attendeva soltanto l’ufficialità che è arrivata in questi minuti: i Mondiali di hockey su ghiacc...
21.03.2020
Sport

Migliaia di svizzeri sono bloccati all'estero

Le vacanze e i soggiorni all'estero di migliaia di cittadini svizzeri si sono rapidamente trasformati in un incubo nelle scorse. Con le restrizioni al traffico aereo ...
19.03.2020
Svizzera