Svizzera, 30 settembre 2019

Il Consiglio federale vuole riportare delle donne jihadiste e i loro figli in Svizzera

Secondo quanto riporta la stampa domenicale, il Consiglio federale sta prendendo in considerazione di riportare in Svizzera le donne jihadiste e dei loro figli che sono in possesso di un passaporto svizzero. Fino ad ora, il Consiglio federale si era opposto a riportare attivamente i jihadisti adulti che erano stati catturati in Siria dopo essersi uniti all'ISIS.

Secondo le informazioni ottenute dalla SonntagsZeitung e da "LeMatin Dimanche", i responsabili delle decisioni negli affari esteri e nei dipartimenti della difesa sono intenzionati a riportare almeno sette bambini in possesso di passaporto svizzero - tutti provenienti dai cantoni di Vaud e Ginevra - trattenuti nei campi siriani. Un "rimpatrio" che i combattenti curdi, che hanno in custodia la maggior parte dei jihadisti stranieri, consentirebbero solo se, insieme ai bambini, vengono fatte riportare anche le loro madri – in tutto due donne con passaporto svizzero e due straniere.

La situazione in Siria minaccia di diventare nuovamente esplosiva e i prigionieri potrebbero approfittarne per fuggire dai campi di internamento. E il rischio di un possibile ritorno in Svizzera non è escluso. Secondo fonti dell'Amministrazione federale, sarebbe meglio gestire un "ritorno controllato" piuttosto che avere madri jihadiste in libertà, scrivono i due giornali. Il Consiglio federale dovrebbe prendere una decisione definitiva nei prossimi giorni.

Guarda anche 

La Basilica di Santa Sofia tornerà ad essere una moschea?

In perdita di velocità sin da quando ha perso il sindacato di Istanbul, il presidente turco Recep Erdogan sta moltiplicando le iniziative per invertire la tendenza...
07.07.2020
Mondo

Valutazione immobiliare: valore di mercato e valore di credito ipotecario, sai di cosa si tratta?

I valutatori immobiliari di Brülhart & Partners SA tengono a chiarire il concetto di “valore di mercato” e di “valore di credito ipotecario&rdq...
06.07.2020
Ticino

La Svizzera condannata dalla CEDU per il suicidio di un detenuto

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accolto il ricorso di una madre il cui figlio si era suicidato nel 2014 nella sua cella di Urdorf, nel canton Zurigo....
02.07.2020
Svizzera

Weekend di risse e aggressioni in Svizzera, almeno 7 feriti

È stato un fine settimana di animi surriscaldati quello appena trascorso in Svizzera. Risse e aggressioni hanno provocato diversi feriti, anche gravi, in 5 episodi...
22.06.2020
Svizzera