Sport, 24 settembre 2019

Furia Renzetti, calma e consapevolezza della squadra: chi ha ragione?

La vittoria in casa Lugano manca da luglio e il primo tempo disputato contro il Lucerna, dopo la pessima prestazione in Coppa Svizzera, ha mandato su tutte le furie il presidente. Qual è il vero volto dei bianconeri?

LUGANO – 5 punti in 7 partite di campionato, eliminato dalla Coppa Svizzera, battuto con qualche recriminazione all’esordio in Europa League e una vittoria che manca dalla prima giornata di campionato, ovvero da luglio: non è certo il momento migliore del Lugano sotto la guida di Fabio Celestini. I mugugni, neanche tanto nascosti, iniziano a farsi sentire – sugli spalti, così come nella dirigenza – ma allenatore e giocatori restano uniti convinti che questa sia la strada giusta per risalire la china. Dove sta la verità?

Forse nel mezzo, come spesso capita, e la risposta potrebbe essere arrivata dal secondo tempo disputato domenica a Cornaredo contro il Lucerna. Perché se nei primi 45’ il Lugano aveva sofferto tanto, tantissimo, facendo troppa fatica anche solo a superare la metà campo, sbagliando ogni scelta e praticamente ogni passaggio, nella seconda parte del match contro gli svizzero centrali in campo si è vista una squadra sola che, però, non è riuscita a insaccare quel pallone che sarebbe valso quella vittoria tanto cercata e che inizia a pesare come un macigno sulle spalle di Celestini e dei suoi ragazzi.

A fine partita Angelo Renzetti ha alzato la voce, infastidito dal pessimo primo tempo durante il quale “sbagliavamo anche le rimesse laterali, queste cose non le posso accettare, tutti devono farsi un esame di coscienza”. Un primo tempo che sembrava ricalcare l’assurda prestazione messa in campo una settimana prima a Losanna in Coppa. Fortunatamente nella seconda frazione il Lugano ha cambiato l’abito, ha cambiato attitudine e ha mostrato quanto di buono può fare, così come accaduto a Copenaghen. Se il presidente borbotta, si arrabbia e prova a strigliare i suoi, dall’altra parte squadra e allenatore sembrano più tranquilli.

Anche loro sanno che i risultati contano e pesano molto, anche loro sanno che quella vittoria che non arriva può portare a decisioni forse avventate, ma restano loro i protagonisti e gli autori del presente e del futuro prossimo bianconero e, se pensano che le cose miglioreranno in fretta, allora bisogna dar loro fiducia. Certo alcuni infortuni non stanno aiutando Celestini, la lunga inattività di Dalmonte – pedina che Renzetti vorrebbe sempre in campo – conta molto, visto che l’esterno d’attacco quando è partito titolare non ha inciso, ma il tempo stringe e Servette e Xamax dovranno fornire quelle risposte che tutti si aspettano, altrimenti potremmo assistere a prese di posizioni drastiche e, probabilmente, necessarie.

Sondaggio

Renzetti o Squadra/Celestini: chi ha ragione?

Renzetti, quello che si è visto nel primo tempo col Lucerna è inaccettabile
Renzetti, per me Celestini non ha più in mano lo spogliatoio
Celestini, dopo la partita di Europa League era normale soffrire nei primi minuti
La squadra, col Lucerna il Lugano meritava la vittoria

Guarda anche 

Tredicesima AVS: a Lugano avrebbe potuto essere realtà dal 2009

Sono passati quasi 11 anni dal 10 febbraio 2009. Quella sera, dopo oltre tre ore di dibattito, il triciclo PLR-PPD-PSS in Consiglio comunale di Lugano affossò il M...
25.01.2020
Opinioni

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport

Una nuova agenda congiunta della Città e di Lugano Region per la promozione degli eventi

LUGANO- È stata presentata oggi in una conferenza stampa a Villa Ciani la nuova agenda degli appuntamenti di Lugano e del Luganese. Frutto del lavoro congiunto ...
21.01.2020
Ticino