Svizzera, 02 settembre 2019

Gli svizzeri potranno decidere il nome di un pianeta

La popolazione della svizzera potrà avanzare proposte su quali nomi dare a un pianeta e la sua stella. Il pianeta è stato scoperto nella costellazione della Vergine 20 anni fa da astronomi svizzeri.

I pianeti che si trovano in sistemi solari distanti portano spesso denominazioni piuttosto criptiche. Come è il caso di "HD130322 b", una stella della costellazione della Vergine che orbita distante circa 100 anni luce dal pianeta "HD130322" (notare l'assenza della b). Sono questi due i corpi celesti a cui la popolazione residente in Svizzera potrà dare un nome.

Sul sito nameexoplanet.ch tutte le persone residenti in Svizzera possono presentare i loro suggerimenti per un nuovo nome. Dal 10 ottobre, il vincitore sarà determinato in una votazione pubblica, come ha fatto sapere la Swiss Astronomical Society (SAG-SAS) in un comunicato.

La Svizzera non è l'unico paese dove la popolazione ha potuto decidere il nome di un pianeta. L'Unione Astronomica Internazionale (IAU) aveva lanciato una campagna mondiale "NameExoWorlds" in occasione del suo 100 ° anniversario, in cui ogni paese poteva designare un esopianeta. L'IAU è l'organizzazione che dà ai corpi celesti i loro nomi ufficiali e vuole riconoscere ufficialmente i nomi scelti nella campagna. Per la Svizzera, è la SAG-SAS a coordinare l'azione.

"HD130322 b" è stata scoperta nel 1999 da un team di astronomi guidato da Michel Mayor dell'Università di Ginevra. Insieme a Didier Queloz Mayor scoprì nel 1995 il primo esopianeta di sempre, che ruota attorno a una stella simile al sole ("51 Pegasi"). Un'esopianeta è un pianeta non appartenente al sistema solare, orbitante cioè attorno a una stella diversa dal Sole.

La stella "HD130322" nella costellazione della Vergine può già essere vista bene anche con piccoli telescopi casalinghi. È una stella nana come il nostro sole, ma un po 'più piccola e più fredda, ha scritto il SAG-SAS. L'esopianeta "HD130322 b", tuttavia, ha poco in comune con la terra: ha circa la massa di Giove, è probabilmente un pianeta gassoso e orbita molto vicino alla sua stella.

Sfortunatamente, a differenza della sua stella, il pianeta non può essere individuato nemmeno con il telescopio più potente. Gli astronomi lo hanno scoperto sulla base delle forze che agiscono tra la stella e il pianeta in orbita che consentono alla stella di "oscillare" un po '. Questo scuotimento può essere misurato dai ricercatori e utilizzato per derivare alcune delle proprietà del pianeta.

Tutti i pianeti scelti per la campagna sono simili a Giove o Saturno e ruotano attorno a stelle visibili dal paese in cui se ne deciderà il nomeanche con piccoli telescopi, scrive l'IUA sul loro sito web. Inoltre, nel nome di un corpo celeste vi è spesso un riferimento al rispettivo paese, ad esempio la posizione dell'osservatorio con cui è stato scoperto l'esopianeta.

Non è la prima volta che l'IUA lancia questo tipo di iniziative. Già nel 2015 era stata lanciata una campagna "NameExoWorlds" più piccola in cui al pubblico era permesso nominare 31 esopianeti e 14 stelle associate. La stella "51 Pegasi", attorno alla quale orbita il primo esopianeta scoperto, ricevette il nome di "Helvetios", un nome proposto dal gruppo giovanile della Società astronomica di Lucerna. Questa volta, a differenza dell'edizione del 2015, chiunque potrà fare dei suggerimenti. È sufficiente recarsi su nameexoplanet.ch e riempire il formulario presente a metà pagina. Per ora il sito è disponibile in tedesco e francese mentre la versione italiana sarà disponibile “presto”.

Guarda anche 

Swiss Championship of Poker: Un record elvetico al Casinò di Lugano

La quinta edizione dello Swiss Championship of Poker che si è tenuta al Casinò di Lugano nelle ultime due settimane è stato un vero e proprio torneo ...
17.09.2019
Ticino

In aumento i richiedenti l'asilo dalla Turchia, "vogliamo andare in Europa e ci causeremo guai" (VIDEO)

È notizia di ieri che il numero di domande d'asilo presentate da cittadini turchi è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, in particolare da...
16.09.2019
Mondo

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera

Umiliato e ridicolizzato: in casa Lugano il futuro è tutto un rebus

LOSANNA – C’era una volta il Lugano che divertiva e che si divertiva. C’era una volta il Lugano che dettava il suo gioco contro chiunque e che era capac...
15.09.2019
Sport