Mondo, 06 agosto 2019

Il Cardinale nigeriano: "Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L'Africa ha bisogno di loro"

In un'intervista pubblicata dal „Catholic Herald“ la scorsa settimana, il cardinale nigeriano Francis Arinze (nella foto), in passato considerato uno dei principali candidati al papato, ha affermato che quando i paesi africani perdono i loro giovani a causa della migrazione, perdono coloro che possono  costruire il proprio futuro.
 
"Il miglior modo in cui i paesi dell'Europa e dell'America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all'Europa come un paradiso - un luogo dove il denaro cresce sugli alberi - ma aiutando i paesi da dove vengono ", ha affermato il cardinale 86enne.
 
"È meglio che qualcuno rimanga nel proprio paese e lavori lì", afferma, pur riconoscendo
che ciò non è sempre possibile. Ha anche detto che i capi di governo nei paesi africani con alti tassi di emigrazione dovrebbero esaminare la loro coscienza per determinare perché così tante persone lasciano i loro paesi.
 
"Ogni governo ha bisogno di determinare quante persone può ospitare", ha detto il cardinale. "Non è teoria. È un dato di fatto ", ha detto Arinze. "Dov'è il futuro dei giovani africani: lavoro, vita familiare, cultura, religione? Bisogna pensare a tutto ciò. Accoglierli senza dar loro prospettive non è la soluzione"
 
"Quindi queste sono aspetti che dobbiamo prendere in considerazione quando menzioniamo la parola 'migrante'", afferma Arinze.

Guarda anche 

La Danimarca bloccherà del tutto l’arrivo di nuovi migranti

La Danimarca vuole porre fine all'immigrazione indiscrimata sul suo territorio. Come riportato dai media, il paese nordico ha approvato giovedì 3 giugno una le...
04.06.2021
Mondo

Autorità ticinesi obbligate a rilasciare il permesso a un pluripregiudicato

In Italia è stato condannato a 5 anni e 8 mesi di reclusione per tentato omicidio e tentata rapina, poi a sei giorni di arresto per guida in stato di ebbrezza, poi...
19.05.2021
Ticino

Imam espulso dalla Svizzera si ripresenta a Chiasso come richiedente l’asilo

Il suo permesso di soggiorno in Svizzera gli era stato revocato nel 2015, decisione confermata definitivamente dai giudici nel 2017. Tornato in Egitto, l'Imam si sare...
17.04.2021
Svizzera

In Grecia era maggiorenne, arriva a Chiasso e diventa un "minorenne non accompagnato”

Avrebbe dovuto essere rinviato in Grecia, dove era stato registrato come maggiorenne e aveva ottenuto lo statuto di rifugiato nonché un permesso di soggiorno. M...
16.04.2021
Svizzera