Svizzera, 02 luglio 2019

La lettera del funzionario UE a Juncker, "il governo svizzero non vuole firmare l'accordo quadro prima delle elezioni di ottobre"

L'ASNI, l'associazione per una Svizzera neutrale e indipendente è entrata in possesso di una lettere scritta da un alto funzionario UE, l'austriaco Johannes Hahn (nella foto), al presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker in merito all'accordo quadro negoziato tra la Svizzera e l'Unione europea. In questa lettera Hahn, informa Juncker sugli sviluppi recenti riguardo a questa questione e come Bruxelles dovrebbe porsi nei confronti di Berna.

Nella missiva, Hahn si rammarica dell'assenza di progressi da quando l'accordo è stato negoziato e accusa il governo svizzero di voler guadagnare tempo "fino alle elezioni di ottobre". L'alto funzionario ricorda a Juncker i motivi che hanno portato l'UE a cercare un nuovo accordo con la Svizzera, ossia un "recepimento inadeguato e applicazione selettiva da parte delle autorità svizzere delle nostre leggi in continua evoluzione" che avrebbero portato "condizioni unilaterali di concorrenza e una vera e propria discriminazione nei confronti delle nostre società, l'assenza di regole chiare e procedure di applicazione per gli aiuti di Stato e un sistema di risoluzione delle controversie totalmente inadeguato che compromette la certezza del diritto".

Secondo Hahn il Consiglio federale, invece di tergiversare, dovrebbe "lavorare intensamente sul fronte interno" per fare in modo che l'accordo venga accettato dagli svizzeri. Ma vista la presunta assenza di volontà a procedere, il funzionario ritiene che il migliore modo di procedere sia, come è successo, di non prolungare l'equivalenza borsistica. Un atto che secondo Hahn "dovrebbe, in particolare, costituire un incentivo aggiuntivo, visibile e altamente simbolico" per spingere Berna a firmare e che la mancata riconoscenza dell'equivalenza borsistica potrebbe "essere il segnale di allarme di cui la Svizzera ha bisogno".

Il funzionario ammette tuttavia che per il settore finanziario elvetico l'assenza di equivalenza "non causerà gravi perturbazioni per la piazza finanziaria, perché il settore si è già preparato a questo scenario".

Al termine della lettera si intuisce che l'UE sta già subendo una certa pressione a causa della Brexit e che quindi Bruxelles non ha "altra scelta che trasmettere alla Svizzera il chiaro messaggio che l'accordo quadro nella sua forma attuale è la nostra offerta finale e che abbiamo un interesse comune a procedere su questa base".

Di seguito pubblichiamo una traduzione in italiano della lettera, mentre una foto dell'originale (scritta in inglese) è disponibile sul sito dell'ASNI cliccando qui.



Bruxelles, 17 giugno 2019

Signor Presidente (La lettera è indirizzata a Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione europea)

Sfortunatamente, questa settimana non potrò partecipare all'incontro del Collegio perché rappresenterò la Commissione al Consiglio "Affari generali" a Lussemburgo nel dibattito sul pacchetto annuale sull'allargamento. Per questo motivo vorrei presentare la mia valutazione del dossier svizzero, oltre a una nota informativa, che rifletta pienamente la situazione attuale.

Sulla base del vostro impegno personale durante questo mandato, nel solo 2018 ho avuto una dozzina di contatti con il mio omologo svizzero, il consigliere federale Cassis. Sulla base dell'instancabile lavoro preparatorio dei nostri negoziatori tecnici, alla fine di novembre dello scorso anno abbiamo concordato un testo definitivo per un progetto di accordo quadro istituzionale, soggetto ad un consultazione interna da parte di gruppi di interesse in Svizzera nei primi mesi del 2019.

Come sapete, la Svizzera è uno dei principali beneficiari del mercato interno dell'UE, grazie al gran numero di accordi settoriali bilaterali. Tuttavia, questa situazione reciprocamente vantaggiosa pone sempre più problemi. Il progetto di accordo istituzionale, che comprende gli accordi più importanti e tutti i futuri accordi di accesso ai mercati, risponde alle gravi preoccupazioni che le istituzioni europee hanno sottolineato da molti anni: recepimento inadeguato e applicazione selettiva da parte delle autorità svizzere delle nostre leggi in continua evoluzione.

Ciò ha comportato le seguenti conseguenze: condizioni unilaterali di concorrenza e una vera e propria discriminazione nei confronti delle nostre società, l'assenza di regole chiare e procedure di applicazione per gli aiuti di Stato e un sistema di risoluzione delle controversie totalmente inadeguato che compromette la certezza del diritto.

Tuttavia, l'accordo istituzionale tiene conto delle sensibilità politiche interne della Svizzera, anche per quanto riguarda le "misure di accompagnamento" della protezione sociale. In altre parole, è un compromesso duraturo sulla base del quale il nostro percorso bilaterale può essere perseguito. Ringrazio tutti i Commissari interessati e le loro squadre per il loro atteggiamento costruttivo, in particolare Marianne Thijssen, Margrethe Vestager e Vera Jourova.

Sfortunatamente, non posso fare a meno di pensare che il governo svizzero stia cercando di guadagnare tempo dalla conclusione dell'accordo politico lo scorso anno. In realtà, non è pronto a prendere impegni vincolanti prima delle elezioni nazionali dell'ottobre 2019. Sebbene la consultazione interna primaverile sia stata molto costruttiva, il Consiglio federale non ha approvato chiaramente l'accordo quadro come concordato (e non l'ha nemmeno presentato al Consiglio nazionale).

Al contrario, il Consiglio federale ha chiesto ulteriori "chiarimenti". Queste non sono domande innocue, ma mirano ad aprire l'accordo su aspetti importanti (aiuti di Stato, libera circolazione delle persone e misure di accompagnamento discriminatorie). Nonostante la nostra volontà di fornire informazioni tempestive e chiare per iscritto, il governo svizzero non si è seriamente impegnato. Al contrario, sta progettando altre "consultazioni" interne non specificate piuttosto che lavorare intensamente sul fronte interno.

Si può ricordare che alla fine dello scorso anno, il Collegio ha deciso una proroga limitata di 6 mesi dell'equivalenza borsistica per la Svizzera. Tale proroga scade nel giugno 2019. Ciò dovrebbe, in particolare, costituire un incentivo aggiuntivo, visibile e altamente simbolico affinché Berna possa concludere rapidamente le sue consultazioni, sostenere il progetto di accordo e sottoscriverlo ulteriormente durante il nostro mandato.

Sono arrivato alla conclusione che le misure adottate dalla Svizzera negli ultimi mesi sono chiaramente insufficienti a tale riguardo. La necessaria volontà politica che dovremmo vedere non esiste. Per come stanno le cose, non penso ci sia una ragione sufficiente per il Collegio a proporre una nuova estensione. In effetti, l'eliminazione dell'equivalenza borsistica potrebbe essere il segnale di allarme di cui la Svizzera ha bisogno.

Dobbiamo naturalmente aggiungere che siamo pronti a riconsiderare questa decisione se Berna è impegnata in modo credibile e sostenibile a favore di questo accordo. Grazie ai miei contatti nel settore finanziario, sono anche consapevole che l'eliminazione dell'equivalenza di borsa non causerà gravi perturbazioni per la piazza finanziaria, perché il settore si è già preparato a questo scenario.

Non possiamo accettare ulteriori ritardi e una diluizione delle regole del mercato interno, specialmente non durante una fase probabilmente decisiva della Brexit. In breve, credo che non abbiamo altra scelta che trasmettere alla Svizzera il chiaro messaggio che l'accordo quadro nella sua forma attuale è la nostra offerta finale e che abbiamo un interesse comune a procedere su questa base.

Con i nostri migliori saluti

Johannes Hahn

Guarda anche 

Ursula von der Leyen eletta presidente della commissione UE (per un soffio), "riformeremo Dublino"

Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della commissione UE e succederà quindi a Jean Claude Juncker. Ci si aspettava una votazione di misura e cos&...
17.07.2019
Mondo

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

La battaglia di Morgarten, la battaglia che segnò la via dell'indipendenza della Svizzera

La battaglia di Morgarten è ancora considerata oggi una delle più importanti vittorie militari della confederazione. Sconfiggendo l'esercito austriaco l...
16.07.2019
Svizzera

Baumann-Rodriguez: il Lugano può davvero sorridere

LUGANO – Mancanza di cattiveria, questo ha sottolineato domenica a fine partita Fabio Celestini. Gambe pesanti, ma fiducia in vista di Zurigo: questa è stata...
16.07.2019
Sport