Svizzera, 03 giugno 2019

Un anno dopo "No Billag", la SSR di nuovo al centro dell'attenzione in Parlamento

Nonostante, nel marzo 2018, tutti i partiti, a parte l'UDC, si erano opposti all'iniziativa “No Billag”, oggi diversi deputati del PPD, PS e Verdi si sentono traditi dalla SSR, che vuole concentrare le sue attività in due sedi soltanto, a Zurigo e Losanna. Per questo hanno presentato un'iniziativa parlamentare comune, che vuole includere nella legge: "Nel campo dell'informazione nella regione di lingua tedesca, la SSR produce la maggior parte delle sue offerte audiovisive sul sito di Zurigo e la maggior parte delle sue offerte audio sul sito di Berna; nella regione di lingua francese, produce la maggior parte delle sue offerte audiovisive sul sito di Ginevra e la maggior parte delle sue offerte audio sul sito di Losanna".

Al Consiglio degli Stati, Beat Volanthen (PPD/FR, nella foto) ha presentato la stessa iniziativa che sarà presentata ai suoi colleghi mercoledì mentre il Consiglio nazionale voterà più avanti nella sessione. Per ora, in commissione, non è riuscito a convincerli e questa proposta
è stata respinta da 12 deputati contro 1, non senza alcuni richiami all'SSR per sostenere le regioni... Domani, martedì, il friborghese terrà una conferenza stampa sulla diversità dei media a Berna con il suo omologo ginevrino Serge Dal Busco. Sarà sufficiente per convincere i loro colleghi?

In questo desiderio di difendere lle sedi dell'SSR a Berna e Ginevra, il PLR è rimasto discreto. "Siamo un po' scettici su questo percorso parlamentare, dice Huges Hiltpold (PLR/GE). Da un lato, non è saggio inserire siti specifici nella legge. Spetta al Parlamento farlo? Questa è una domanda molto politica... D'altra parte, la vera questione, a mio avviso, è se la SSR possa ancora garantire la sua missione di servizio pubblico e se continua a farlo..." ha dichiarato all'agenzia Keystone-ATS.

Il dibattito si annuncia più vivace nel Consiglio nazionale, dove la commissione ad hoc si è mostrata più divisa: 14 contro, 10 a favore e un'astensione.

Guarda anche 

Prima di Steffen ci fu Vivas: ma sono già passati 24 anni

LUGANO - Prima di Renato Steffen, chiamato da Murat Yakin per gli imminenti Mondiali del Qatar, chi è stato l’ultimo bianconero ad essere convocato per ...
14.11.2022
Sport

“Rossocrociati da semifinale!”

LUGANO - Michel Pont non ha certo dimenticato la sua breve esperienza in Ticino. “Quell’anno trascorso a Lugano (1996/ 1997, ndr) fu molto...
13.11.2022
Sport

Nel segno di Mattia: Bottani regala il Sion ai campioni in carica

LUGANO – Doveva esserci il tutto esaurito a Cornaredo. Doveva esserci il pienone che la Coppa Svizzera vinta a maggio meritava. A Cornaredo ieri sera doveva esserci...
10.11.2022
Sport

Steffen porta il Lugano al Mondiale

LUGANO – Ci sarà anche un pezzo di Lugano in Qatar con la maglia della Svizzera: Renato Steffen, infatti, fa parte dei 26 convocati da Murat Yakin per gli im...
09.11.2022
Sport