Svizzera, 03 giugno 2019

La Nigeria sequestra una petroliera svizzera, la Confederazione rischia una fattura milionaria

La Svizzera ha chiesto al Tribunale internazionale del diritto del mare di ordinare alla Nigeria di rilasciare una petroliera battente bandiera svizzera sequestrata dalla marina nigeriana e immobilizzata da sedici mesi a Port Harcourt.

"La Svizzera chiede al tribunale di liberare la nave, compreso l'equipaggio e il carico, e di sospendere i procedimenti giudiziari in corso in Nigeria", si legge nel comunicato trasmesso ai media dal Dipartimento degli Affari esteri.

Le autorità nigeriane avevano sequestrato la nave nel gennaio 2018 mentre trasferiva gasolio tra navi di carico, riferisce la televisione romanda RTS.

Il comandante della San Padre Pio, questo il nome della nave, che può trasportare un carico di circa 5'500 tonnellate, è stato accusato dalle autorità nigeriane di essere entrato illegalmente nelle acque territoriali della Nigeria e di traffico illegale di benzina, accuse respinte dal diretto interessato. Il capitano sostiene di aver ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie.

La maggior parte dei membri dell'equipaggio fu autorizzata a lasciare la nave, ma quattro ufficiali ucraini sono dovuti rimanere a bordo e da allora sono bloccati sulla nave.

La situazione è "difficile da sopportare per gli ufficiali", ha detto il ministero, osservando che la nave e il carico stavano perdendo il loro valore ogni giorno che passava, causando danni crescenti alle aziende coinvolte.

Ma le società private non sono le uniche coinvolte. Secondo la RTS, la Svizzera è garante per la nave, il che significa che se la compagnia di navigazione non onorerà i suoi pagamenti, sarà la Confederazione svizzera che dovrà pagare, con il denaro dei contribuenti. E la fattura potrebbe essere di diversi milioni di franchi

"La detenzione continua della nave, compreso il suo equipaggio e il suo carico, ha provocato danni irreparabili alla Svizzera", ha avvertito il DFAE.

Guarda anche 

San Gallo, richiedente l'asilo aggredisce autista di un autobus e cerca di fuggire con il mezzo

Un 29enne richiedente l'asilo somalo ha aggredito sabato mattina nel canton San Gallo l'autista di un autobus su cui era salito. Come riferisce il "Blick&quo...
21.11.2019
Svizzera

A Euro 2020 ci siamo: ora proviamo il salto di qualità

GIBILTERRA (Gibilterra) – Sarebbe stato un vero e proprio terremoto calcistico e sportivo se ieri sera la Svizzera non avesse centrato la qualificazione in casa del...
19.11.2019
Sport

Da Monserrat a Gibilterra: l’epopea di un gruppo di amici

Immaginate un gruppo di amici dello stesso quartiere di Zurigo amanti del calcio e dell’avventura. Un bel giorno, grazie all’intuizione di uno di loro,...
18.11.2019
Sport

Una Svizzera giovane, grintosa e… vincente! Funziona la formula di Fischer

KREFELD (Germania) – Dopo i buoni risultati ottenuti negli scorsi anni ai Mondiali, e con il prossimo appuntamento iridato casalingo che si avvicina, la Svizzera st...
11.11.2019
Sport