Mondo, 23 maggio 2019

La Germania ha speso la cifra record di 23 miliardi per i rifugiati nel 2018

La Germania ha speso 23 miliardi di euro l'anno scorso per cercare di integrare oltre un milione di rifugiati e combattere le cause delle migrazioni all'estero, riferisce l'agenzia Reuters.

Ciò significa un aumento di quasi l'11% rispetto ai 20,8 miliardi di euro che la Germania ha speso nell'anno precedente, come dimostra un documento pubblicato dal ministero delle Finanze.

La Merkel ha ripetutamente difeso la sua decisione del 2015 di lasciare i confini tedeschi aperti a centinaia di migliaia di migranti, principalmente da paesi musulmani, come una necessità umanitaria, ma da allora ha promesso di impedire una ripetizione di tale migrazione di massa affrontando le sue cause.

Nel 2018 il governo ha speso complessivamente 7,9 miliardi di euro in misure volte a mantenere i migranti fuori dall'Unione europea ea migliorare le condizioni di vita nei loro paesi d'origine: un aumento del 16% rispetto al 2017.

I 16 stati della Germania, che sono responsabili degli alloggi e che integrano gli arrivi da paesi come la Siria, l'Iraq e l'Afghanistan, hanno ricevuto 7,5 miliardi di euro dal governo federale l'anno scorso, secondo il rapporto. Si tratta un aumento del 14 percento rispetto all'anno prima.

Alice Weidel, capogruppo nel parlamento tedesco per il partito di destra Alternativa per la Germania (AfD), ha criticato il governo di Merkel per aver speso miliardi per i rifugiati, dicendo: "Questa è una costosa festa di benvenuto a spese dei cittadini".

Annette Widmann-Mauz, ministro di stato per migrazione, rifugiati e integrazione, ha detto che i commenti di Weidel erano "stupidi" e di cattivo gusto.

"Combattere le cause delle migrazioni, che costituiscono una parte importante della spesa totale, è altrettanto importante per il nostro interesse quanto investire in un'integrazione di successo", ha detto a Reuters Widmann-Mauz.

"Chiunque si opponga alla protezione umanitaria come partito non ha capito nulla", ha aggiunto Windmann-Mauz.

Guarda anche 

I greci manifestano contro l'immigrazione, "rivogliamo le nostre isole"

Migliaia di greci hanno protestato mercoledì sulle isole del Mar Egeo, che ospitano i più grandi campi di migranti della Grecia, chiedendo l'immediata p...
23.01.2020
Mondo

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Asilanti non vengono rinviati in Italia, "il TAF mina l'Accordo di Dublino"

L'UDC ha duramente criticato alcune recenti sentenze del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di richiedenti l'asilo. Con "queste...
09.01.2020
Svizzera

"Mia nonna è una scrofa inquinante", la canzone pro-clima cantata da bambini tedeschi e diffusa dalla TV pubblica

"Mia nonna è una scrofa inquinante" non sono, probabilmente, le parole che ci aspetta vengano pronunciate da un bambino. E ancora meno che questa frase f...
30.12.2019
Mondo