Mondo, 18 maggio 2019

È morta Grumpy Cat, uno dei gatti più famosi (e ricchi) del Web

Il suo viso apparentemente e perennemente imbronciato ne avevano fatto una star di Internet. Stiamo parlando di Tardar Sauce (salsa tartara), in arte "Grumpy cat", uno dei gatti più celebri del web. E ieri, il triste annuncio : Grumpy Cat è morta martedì scorso a causa di complicazioni legate a un'infezione del tratto urinario.

Diva a quattro zampe dei social, la tenera micetta aveva un valore stimato a diversi milioni di dollari, era diventata la testimonial di una marca di cibo per animali, la protagonista di un film e di una serie di libri a lei dedicati, oltre a essere diventata la protagonista di innumerevoli meme. Il tema del meme è quello di un gatto sempre infelice e scontroso, qualsiasi cosa succeda e l'umorismo sta nel fatto che lei preferisca stare imbrociata piuttosto che tirarsi su d'animo.



In verità Grumpy non è affatto scontrosa, la sua padrona Tabatha spiegò che quel broncio era dovuto a una malformazione dell'arcata inferiore dentaria e al fenomeno, molto raro nei gatti, di nanismo felino. Per annunciare la morte della celebre micia i suoi padroni, Tabatha, Chrystal e Bryan Bundensen hanno scritto: "Alcuni giorni sono più scontrosi di altri...oltre a essere la nostra bambina e un amato membro della nostra famiglia, Grumpy Cat ha aiutato milioni di persone in tutto il mondo a sorridere. Anche quando i tempi erano duri. Il suo spirito continuerà a vivere attraverso i suoi fan nel mondo" . La gattina è morta "a casa, tra le braccia della sua mamma Tabatha" si legge ancora nel post. I messaggi di cordoglio hanno rapidamente invaso le piattaforme social.



Grumpy viveva con la sua famiglia umana a Morristown in Arizona e divenne famosa nel 2012, grazie alle prime foto della sua espressione arrabbiata, diventate subito virali sulla piattaforma Reddit per poi "invadere" presto tutto il web. Secondo la sua padrona Tabatha, la fama di Grumpy e il fatto che milioni di persone l'amassero ha permesso che molti gatti che non sarebbero stati adottati hanno trovato una casa grazie a lei.



Ma il fenomeno "Grumpy Cat" è soprattutto il simbolo della nuova società virale nata con Internet e soprattutto i social media. Come detto, la gatta è stata ospite di trasmissioni tv, ha ispirato un libro, un videogioco, un fumetto, un film, svariati calendari e una linea di merchandising. Il marchio di cibo per animali è un testimonial, ovviamente profumatamente pagata. Nel 2014 il Wall Street Journal ha riferito che il gatto si sposta su un'auto dai vetri oscurati. Manco a dirlo, ha un manager: Ben Lashes, esperto in "Internet talent".



Col passare degli anni, il marchio "Grumpy cat" si è consolidato sempre più. Nel 2016 la gatta è addirittura diventata una statua di cera nel celeberrimo museo di Madame Tussauds a Londra. L'anno successivo, si è piazzata terza nella classifica di Forbes dei Top Pet Influencer, gli animali domestici più influenti della rete.

Guarda anche 

Censurati per essere "informazione pericolosa": Come la Silicon Valley decide chi può stare su Internet e cosa viene discusso e condiviso

Esiste l'informazione "pericolosa"? Stando a Facebook, sembrerebbe di sì. Citando i propri termini di utilizzo contro "individui e organizzazion...
03.05.2019
Mondo

Italia, famiglia dipendente dal computer vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo

Ha dell'incredibile la vicenda di una famiglia del Salento, nel centro Italia, rinchiusa in casa da due anni e mezzo per dedicarsi al computer riportata dal portale s...
21.01.2019
Mondo

Legge UE sul copyright, si fa sul serio: oscurata la versione italiana di Wikipedia

Si fa sempre più animato il dibattito sulla legge sul copyright votata dal parlamento dell'Unione europea lo scorso 20 giungo e che il prossimo 5 luglio dovr&a...
03.07.2018
Mondo

L'Unione europea censura Internet, votato l'articolo 13

Il 20 giugno scorso  è stato votato dal Parlamento dell’Unione Europea l’Articolo 13, una disposizione che effettuerà una sorta di ...
26.06.2018
Mondo