Mondo, 09 maggio 2019

Ai migranti l'UE ha distribuito carte prepagate per oltre un miliardo e mezzo di euro, secondo il governo ungherese

Sono stati oltre due milioni i migranti beneficiari delle carte prepagate finanziate dall'UE in collaborazione con MasterCard e l'ONU (vedi articolati correlati) i quali hanno ricevuto l'equivalente di 1,55 miliardi di euro, secondo il consigliere capo della sicurezza del primo ministro György Bakondi, che si era espresso durante una trasmissione sul tema venerdì mattina alla televisione ungherese M1. Lo stesso governo ungherese ha indirettamente confermato l'informazione pubblicando le affermazioni di Bakondi sul proprio sito web.

Bakondi sostiene che le carte prepagate distribuite ai migranti nella regione dei balcani sono illegali, perché i cittadini europei non possono possedere carte bancarie anonime, non possono essere monitorate e non sarebbe stata avviata alcuna procedura di appalto pubblico per il loro rilascio.

"Questa soluzione, che non è stata pensata ed è illecita, e altri sforzi da parte dell'Unione
Europea per legalizzare la migrazione illegale come il visto per immigrati e la creazione di canali per l'immigrazione, rappresentano un rischio per la sicurezza con l'assistenza sanitaria , conseguenze economiche e culturali per i cittadini ungheresi e europei", ha proseguito il funzionario ungherese.

Secondo il parere del capo della sicurezza, l'UE non vuole fermare la migrazione, ma legalizzarla. "L'Ungheria, tuttavia, non è d'accordo con questo. L'opinione dell'Ungheria è che il problema non deve essere portato in Europa, ma che invece è necessario fornire assistenza in loco per consentire la risoluzione dei problemi sul posto", ha aggiunto.

Bakondi ha anche affermato che il bel tempo ha portato ad un aumento del numero di migranti sulla rotta migratoria dei Balcani.

Fonte

Guarda anche 

L'Unione europea vuole abolire l'accordo di Dublino

La Commissione europea vuole abolire il cosiddetto "Regolamento di Dublino", che attribuisce la responsabilità di una richiesta di asilo al paese di prim...
17.09.2020
Mondo

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Moria: I rossoverdi degli svizzeri se ne impipano, ma per i migranti economici...

Non sta certo a noi togliere le castagne dal fuoco agli eurobalivi incapaci di gestire il caos asilo, che non perdono mezza occasione per discriminarci e per ricattarci&n...
14.09.2020
Svizzera

La Grecia non vuole far partire i migranti da Moria, "non vanno ricompensati per aver appiccato un incendio"

Il governo greco ha fatto sapere nella giornata di venerdì che i circa 13'000 migranti che vivono nel campo di Moria sull'isola di Lesbo non verranno fatti...
12.09.2020
Mondo