Mondo, 09 maggio 2019

Ai migranti l'UE ha distribuito carte prepagate per oltre un miliardo e mezzo di euro, secondo il governo ungherese

Sono stati oltre due milioni i migranti beneficiari delle carte prepagate finanziate dall'UE in collaborazione con MasterCard e l'ONU (vedi articolati correlati) i quali hanno ricevuto l'equivalente di 1,55 miliardi di euro, secondo il consigliere capo della sicurezza del primo ministro György Bakondi, che si era espresso durante una trasmissione sul tema venerdì mattina alla televisione ungherese M1. Lo stesso governo ungherese ha indirettamente confermato l'informazione pubblicando le affermazioni di Bakondi sul proprio sito web.

Bakondi sostiene che le carte prepagate distribuite ai migranti nella regione dei balcani sono illegali, perché i cittadini europei non possono possedere carte bancarie anonime, non possono essere monitorate e non sarebbe stata avviata alcuna procedura di appalto pubblico per il loro rilascio.

"Questa soluzione, che non è stata pensata ed è illecita, e altri sforzi da parte dell'Unione Europea per legalizzare la migrazione illegale come il visto per immigrati e la creazione di canali per l'immigrazione, rappresentano un rischio per la sicurezza con l'assistenza sanitaria , conseguenze economiche e culturali per i cittadini ungheresi e europei", ha proseguito il funzionario ungherese.

Secondo il parere del capo della sicurezza, l'UE non vuole fermare la migrazione, ma legalizzarla. "L'Ungheria, tuttavia, non è d'accordo con questo. L'opinione dell'Ungheria è che il problema non deve essere portato in Europa, ma che invece è necessario fornire assistenza in loco per consentire la risoluzione dei problemi sul posto", ha aggiunto.

Bakondi ha anche affermato che il bel tempo ha portato ad un aumento del numero di migranti sulla rotta migratoria dei Balcani.

Fonte

Guarda anche 

La Grecia chiede aiuto all'UE per rimpatriare i migranti sul suo territorio

Il ministro della migrazione greco Notis Mitarachi (nella foto) ha dichiarato lunedì di aver chiesto ufficialmente aiuto all'Unione europea per rimpatriare i r...
18.02.2020
Mondo

"In Europa è vietato dirlo ma l'immigrazione in realtà è un'invasione organizzata"

In occasione di una visita al confine sud dell'Ungheria il primo ministro Viktor Orbán ha dichiarato, a un gruppo di giornalisti presenti, che le descrizioni d...
17.02.2020
Mondo

Sì ad un'immigrazione moderata

Secondo gli ultimi dati statistici dell’anno 2019 gli immigrati sono stati ben 55'000, un numero che equivale alla popolazione del distretto di Locarno, mentre ...
17.02.2020
Opinioni

I rifugiati possono chiedere prestazioni sociali per i figli che abitano all'estero

I rifugiati in Svizzera devono avere accesso alle stesse prestazioni sociali degli svizzeri. Così ha stabilito venerdì il Tribunale federale, che si è...
15.02.2020
Svizzera