Svizzera, 03 maggio 2019

Verso una liberalizzazione della cannabis? Il parlamento entra in materia sulla distribuzione controllata

Prove pilota di distribuzione di cannabis potrebbero presto essere realtà in Svizzera. La Commissione per la salute pubblica del Consiglio nazionale ha infatti approvato l'entrata in materia, con 12 voti contrari e 9 astenuti, per una revisione della legge sugli stupefacenti.

Agli occhi della maggioranza della commissione, si tratta di un vero problema di salute pubblica il fatto che i circa 200'000 consumatori regolari di cannabis consumino un prodotto che non sottostà a nessun tipo di controllo. È quindi necessario esplorare nuove strade nel campo della politica della cannabis, ritiene la commissione.

Gli studi determineranno l'influenza della distribuzione controllata della cannabis sul consumo, sulla dipendenza e sulla salute dei consumatori, afferma la maggioranza della commissione. L'obiettivo dichiarato è quello di limitare gli effetti nocivi e proteggere la salute dei consumatori.

Una minoranza richiede invece di respingere il testo perchè, secondo loro, questo progetto pilota sarebbe un primo passo verso la liberalizzazione generalizzata. La legge sugli stupefacenti verrà modificata solo per consentire test pilota "scientifici" per un massimo di dieci anni.

Un ordinanza sul tema è già stato redatta e stabilisce un quadro molto rigido. Nessun minorenne dovrebbe essere in grado di rifornirsi di cannabis mediante questi test pilota. In ogni caso, nulla è stato ancora deciso, in quanto la commissione esaminerà in dettaglio le disposizioni legali relative agli studi dopo la sessione parlamentare estiva.

Guarda anche 

Una Svizzera giovane, grintosa e… vincente! Funziona la formula di Fischer

KREFELD (Germania) – Dopo i buoni risultati ottenuti negli scorsi anni ai Mondiali, e con il prossimo appuntamento iridato casalingo che si avvicina, la Svizzera st...
11.11.2019
Sport

L'aiuto ai clandestini continuerà ad essere un reato

Le persone che aiutano i migranti ad entrare illegalmente nel Paese saranno comunque punite. La commissione competente del Consiglio nazionale ha respinto con 15 voti fav...
09.11.2019
Svizzera

Abusava della figliastra minorenne e si filmava: espulso verso il Congo

Per oltre quattro anni ha abusato sessualmente della figliastra minorenne. Ha più volte fotografato e filmato i suoi abusi. Ha persino fatto abusare la vittima da ...
09.11.2019
Svizzera

Non può essere espulso perchè si è convertito al cristianesimo, la Corte europea sconfessa la Svizzera

Un richiedente l'asilo afghano non potrà essere rimpatriato perchè convertito al Cristianesimo. È quanto deciso dalla Corte europea dei diritti d...
06.11.2019
Svizzera