Ticino, 02 maggio 2019

La prima volta di Censi e Tonini: "Giorno emozionante. Lavoreremo per i ticinesi"

La prima volta non si scorda mai, si dice. Ed è davvero così per Stefano Tonini e Andrea Censi, i deputati leghisti che, dopo la votazione del 7 aprile scorso, sono stati eletti in Gran Consiglio. Oggi, nella seduta costitutiva del Parlamento per la legislatura 2019-2023, Tonini e Censi hanno debuttato in Parlamento.

Abbiamo raccolto le loro sensazioni al termine della seduta odierna. “Saranno – ci dice Tonini – quattro anni molto importanti. Sono felice di sedere in Parlamento, ma allo stesso modo sono consapevole di quanto sia importante adoperarsi per i cittadini e soprattutto per quelle persone che hanno riposto in me fiducia votandomi”. Ma di cosa ha bisogno il nostro Cantone? “

Di una politica seria – afferma Tonini –, di una politica preparata, una politica che abbia realmente a cuore quello che è il nostro Cantone. I cittadini e le nostre aziende
si aspettano risposte e risultati e noi siamo qui per questo: lavorare per loro”.

È deciso a lavorare per il popolo anche Andrea Censi. “Personalmente – afferma – mi impegnerò nell’interesse dei ticinesi affrontando ogni tipo di tema con il giusto e necessario impegno e approfondimento. Ovviamente, non dimenticherò le mie sensibilità, quali un occhio di riguardo per gli automobilisti sempre più tartassati, un impegno particolare per un mercato del lavoro che ancora affanna e una lotta sempre più soffocante sulla burocrazia”.

E ancora: “Non sarà una legislatura facile, caratterizzata da una frammentazione delle forze politiche in Parlamento con la crescita di piccole formazioni spesso più distruttive che costruttive. Ma questo è pure uno stimolo a lavorare meglio e in modo più incisivo”.

Guarda anche 

Vicenda dell'ex amante di Berset, in parlamento si vuole fare luce sulle email "scomparse"

Inizialmente scagionato il 14 giugno da un'inchiesta delle Camere federali riguardante il caso della sua ex amante, il Consigliere federale Alain Berset ha ancora ...
27.06.2022
Svizzera

Il Parlamento dei rifugiati accusa la Svizzera di razzismo, "discriminati rispetto agli ucraini"

Da metà febbraio circa 45'000 ucraini hanno ottenuto il permesso "S". Con questo permesso, gli ucraini possono vivere in Svizzera per almeno un anno,...
10.05.2022
Svizzera

"I Parlamentari rinuncino a 5'000 franchi di indennità quale gesto di solidarietà"

I deputati che siedono a Berna dovrebbero rinunciare al 20% delle indennità quale gesto di solidarietà verso i cittadini colpiti dalla crisi di Coronavir...
01.02.2022
Svizzera

In Parlamento bocciato il lockdown, "2G" approvato con riserva

Le ultime misure anti-coronavirus decise dal Consiglio federale e attualmente in consultazione non sembrano suscitare l'entusiasmo. In un comunicato pubblicato luned&...
14.12.2021
Svizzera