Svizzera, 26 aprile 2019

Aveva massacrato di botte la figlia (poi morta in ospedale), rischia fino a due anni di carcere. "Nel mio paese è normale picchiare i bambini"

La vicenda aveva scosso il canton Berna nel febbraio 2018. Una bambina di 8 anni era deceduta in ospedale a causa di un'infezione. Al momento del decesso, i medici avevano notato che il corpo della piccola era coperto di ematomi, segno evidente di percosse. I sospetti erano subito ricaduti sui genitori, una coppia di eritrei, e in particolare sul padre 40enne.

Come riporta il "Berner Zeitung", il processo contro i due è iniziato mercoledi davanti al tribunale di Berna-Mittelland. Dall'inchiesta è emerso che la bambina subiva quotidianamente percosse da parte del padre, e questo perchè la figlia "non mangiava abbastanza". Oltre a sberle, pugni e colpi di cintura, l'uomo forzava ripetutamente la piccola a ingoiare il cibo che lei poi vomitava. Infine, la bambina veniva obbligata a eseguire "sessioni di ginnastica intensiva".

"Non potevo accettare che mia figlia non mangiasse" ha spiegato il padre alla corte il quale si è giustificato dicendo che "in Eritrea è normale picchiare i bambini". Ha comunque ammesso di essersi spinto troppo oltre.

Se l'inchiesta ha potuto stabilire che era stato il 40enne l'autore dei lividi presenti sulla bambina, non si è potuto accertare il legame tra il decesso di quest'ultima e le percosse, di conseguenza l'accusa di omicidio è venuta a cadere. L'uomo rischia quindi fino a due anni di carcere per maltrattamenti.

La madre invece, 33enne, dovrà anche lei rispondere a delle accuse per non avere fatto nulla per evitare le botte alla figlia. La donna si è giustificata dicendo che non sapeva a chi rivolgersi per chiedere aiuto. Anche lei sarebbe stata vittima della violenza del marito.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

La battaglia di Morgarten, la battaglia che segnò la via dell'indipendenza della Svizzera

La battaglia di Morgarten è ancora considerata oggi una delle più importanti vittorie militari della confederazione. Sconfiggendo l'esercito austriaco l...
16.07.2019
Svizzera

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera

Svezia ormai troppo pericolosa e la Volvo pensa di andarsene, "non riusciamo a attirare manodopera straniera"

L'amministratore delegato di Volvo avverte che la società sta pensando di trasferire il suo quartier generale fuori dalla Svezia in futuro, in parte a causa di...
15.07.2019
Mondo