Svizzera, 08 aprile 2019

Più del 90% delle coltivazioni biologiche in Svizzera è contaminato da pesticidi

Quasi tutte le aree agricole dell'Altopiano svizzero contengono almeno un neonicotinoide. Questi insetticidi sono onnipresenti nei terreni delle fattorie convenzionali, ma anche, in concentrazioni minori, in quelle del 93% dei terreni adibiti a coltivazioni biologiche.

Questi risultati, considerati allarmanti, appaiono in uno studio condotto presso l'Università di Neuchâtel, riportate domenica dalla "NZZ am Sonntag". Due ricercatori hanno analizzato 702 campioni di suolo e piante raccolti nel 2015 in 100 colture da campo, 62 aziende agricole e 69 aree di promozione della biodiversità.

Almeno uno dei cinque neonicotinoidi ricercati viene rilevato in tutti i campioni di terreno e di piante raccolti nelle fattorie convenzionali e in quelli che seguono i principi dell'agricoltura integrata.

Questa proporzione diminuisce al 93% nei suoli e nelle piante coltivate in fattorie biologiche. Inoltre, l'81% dei suoli e il 93% della vegetazione nelle superfici adibite alla promozione della biodiversità contenevano almeno un neonicotinoide in concentrazione misurabile.

I ricercatori trovano questo risultato allarmante, poiché le superfici di promozione della biodiversità sono state progettate per fungere da rifugio per le popolazioni di impollinatori. Secondo loro, le concentrazioni misurate sono sufficienti a minacciare potenzialmente una parte delle specie impollinatrici.

Lo studio rileva, tuttavia, che le concentrazioni misurate in campi e colture biologiche sono "molto inferiori" rispetto a quelle riscontrate su superfici convenzionali. "I produttori biologici sono vittime di contaminazione a causa delle proprietà chimiche dei neonicotinoidi e del loro uso eccessivo", afferma Ségolène Humann-Guilleminot, coautrice dello studio.

Una moratoria sull'uso dei neonicotinoidi era stata pronunciata nel 2013 in Svizzera e in gran parte dell'Europa. La persistenza di queste molecole nel terreno suggerisce che saranno ancora presenti per qualche anno ancora.

Allo stesso tempo, nuove molecole, come il sulfoxaflor, stanno entrando nel mercato in Europa. "Il loro modo di agire è molto simile a quello dei neonicotinoidi, e i cui effetti su specie non bersaglio, come impollinatori e coltivatori, sono stati portati alla luce da recenti studi scientifici", avverte il professor Fabrice. Helfenstein, che ha condotto lo studio.

Guarda anche 

Scene di guerra nel canton Vaud, assalito un furgone portavalore. Un ferito e diversi veicoli incendiati

Giovedì, poco dopo mezzanotte, un furgone portavalori di una società di trasporto di denaro è stato costretto a fermarsi con diversi veicoli. I due u...
20.06.2019
Svizzera

Boom di cantieri nei Grigioni, soddisfazione... in Italia

Lo scorso marzo il cantone dei Grigioni aveva annunciato l'apertura di diversi cantieri, in particolare su strade cantonali e altre vie di collegamento. In tutto sull...
20.06.2019
Svizzera

"Basta minacce da Bruxelles, si annulli il versamento del miliardo di coesione"

Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri  in un'interpellanza inoltrata al Consiglio federale chiede di ritirare il versamento del contributo di coesione dop...
19.06.2019
Svizzera

Non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

Un cittadino kosovaro, arrivato in Svizzera all'età di sette anni nell'ambito di un ricongiungimento famigliare, non verrà espulso nonostante sia in...
19.06.2019
Svizzera