Mondo, 05 aprile 2019

Carte prepagate dell'UE a migranti, fra i beneficiari anche un terrorista dell'ISIS

Quando è emerso il caso delle carte prepagate rilasciate dall'UE ai migranti in Grecia (vedi articoli correlati), molti sostenevano che si trattava di un'azione che era più che irresponsabile. E potrebbe essere un eufemismo dato che persino un terrorista siriano ha beneficiato di una di queste carte.
La scorsa settimana, un cittadino siriano di nome F. Hassan è stato arrestato a Budapest dal personale dell'agenzia anti-terrorismo ungherese (Terrorelhárítási Központ, TEK), per sospetto di atti terroristici, tra cui la pianificazione di numerosi attentati suicidi e aver partecipato a diverse delle esecuzioni con cui l'ISIS è diventata tristemente celebre.

Un'indagine del TEK in collaborazione con Europol e i servizi europei di intelligence ha in seguito determinato le relazioni europee di Hassan, cui si presume sia un membro anziano dell'ISIS che ha ottenuto l'asilo in Grecia. Successivamente, ha approfittato dei confini aperti dell'area Schengen e ha potuto visitare diversi paesi europei prima di arrivare in Ungheria, dove è stato arrestato.

Nel frattempo si è potuto accertare che Hassam ha potuto beneficiare di finanziamenti dell'UE.
È stato nel novembre 2018 che era emerso il caso delle carte bancarie anonime. In sintesi: i migranti hanno ricevuto carte bancarie anonime se soddisfacevano le seguenti condizioni: essere arrivato in Grecia dopo il 1 ° gennaio 2015, avere 18 anni, non avere un lavoro ed essere stati registrati dalla polizia greca.

In teoria, queste carte bancarie potevano essere utilizzate solo in Grecia, e solo se il migrante si recava regolarmente all'amministrazione greca per il controllo. In realtà, queste carte sono state usate e ritrovate in diversi paesi, in particolare nei Balcani, il che dimostra quanto sia facile aggirare il sistema.

Dopo aver inizialmente negato il fatto, la Commissione europea ha finalmente riconosciuto che le Nazioni Unite e l'UE stavano distribuendo queste carte prepagate ai migranti che avevano raggiunto il territorio dell'Unione europea.

Si stima che circa 64'000 carte bancarie siano state distribuite ai migranti solo nel mese di gennaio. Attraverso questo programma, per due anni, Hassan ha quindi beneficiato di un pagamento mensile di 500 euro.  

Fonte

Guarda anche 

L'UE scrive ai ricercatori svizzeri: "Se volete i fondi, trasferitevi da noi"

La Commissione europea lo scorso 12 luglio aveva annunciato ufficialmente che la Svizzera viene considerata fino a nuovo avviso come un paese terzo non associato al progr...
24.07.2021
Svizzera

Cassis incontra il capo della diplomazia UE, "bisogna aprire un dialogo politico con Bruxelles"

Due mesi dopo l'interruzione dei negoziati sull'accordo quadro con l'UE, il consigliere federale Ignazio Cassis incontrerà martedì il capo della...
20.07.2021
Svizzera

Arrestato per pedofilia: la Premier League sotto shock

LIVERPOOL (Gbr) – La Premier League è sotto shock e questa volta non per il calcio: stando ai media d’oltremanica venerdì sera un giocatore dell...
20.07.2021
Sport

Più dell'80% degli svizzeri non vuole l'adesione all'Unione europea

Stando a un sondaggio pubblicato oggi quasi due terzi degli svizzeri è contrario all'adesione all'Unione europea, mentre solo il 16% sarebbe favorevole. ...
18.07.2021
Svizzera