Svizzera, 30 marzo 2019

Quella silenziosa ecatombe di animali sulle strade e le ferrovie svizzere

L'associazione Pro Natura lancia l'allarme per quella che ritiene essere una "ecatombe" di animali sulle strade e le ferrovie svizzere. Ogni anno infatti vengono investiti e uccisi 20'000 mammiferi sulla rete stradale e ferroviaria della Svizzera, una media di 55 ogni giorno. E questo contando solamente gli animali recensiti, di cui non fanno parte, per esempio, i ricci.

Ad essere maggiormente toccati dal fenomeno, secondo i dati della Confederazione, sono i cervi (9807 morti in media ogni anno), seguiti dalle volpi (7439), i tassi (3275), i cinghiali (718), i cervi rossi (669), le lepri (649) e infine i camosci (34). Questo per quel che riguarda gli animali recensiti, mentre altri animali che incrociamo spesso sulle strade come i ricci, le rane e i rospi non vengono conteggiati.

La causa del problema, secondo Pro Natura, è la crescente urbanizzazione della Svizzera che implica una sempre maggiore estensione della rete stradale e ferriovaria.

Quale soluzione Pro Natura propone di costruire più corridoi faunistici sulle reti stradali e ferrovarie. Al momento in Svizzera sono 305, di cui 30 sulle strade nazionali, un numero giudicato ancora insufficiente.



Contatta da "Le Matin", Marguerite Trocmé dell'Ufficio federale delle strade (USTRA) ha assicurato che due nuovi ponti erano in costruzione e 16 in programma. Tuttavia: "Dopo decenni in cui le esigenze della fauna selvatica sono state completamente trascurate, il tempo sta per scadere", afferma Sara Wehrli, naturalista della fauna selvatica e membro di Pro Natura.

L'associazione ricorda infine che non si tratta solo di una questione di sensibilità verso gli animali, ma vi è anche un aspetto finanziario. Recuperare le carcasse e ripulire strade e binari, senza contare eventuali danni alle infrastrutture o ai veicoli, implica costi e tempo sia per le autorità che i privati. Investire in corridoi faunistici permetterebbe quindi di ridurre in seguito queste spese.

Guarda anche 

“Siamo un po’ tutti matti ma con la testa sulle spalle”

AIROLO - Deborah Scanzio è nata a Faido ma da sempre abita a Piotta, in Leventina: terra di montagna, terra di hockeisti e di sciatori famosi che hanno f...
26.11.2021
Sport

Marius Antonietti attacca: “Ticino, vita dura per i pugili”

LUGANO - Marius Black Antonietti (30 anni) ha dedicato e dedica anima e corpo al pugilato, uno sport che vive con grande intensità e dedizione. Ha vint...
26.11.2021
Sport

"Un nuovo miliardo di coesione per l'UE in cambio della partecipazione ai programmi di ricerca"

Un nuovo miliardo di coesione in cambio della partecipazione al programma di ricerca Horizon? Sarebbe questa la proposta della Commissione di politica estera del Consigli...
24.11.2021
Svizzera

Super e Challenge League: Meglio una nuova formula per attrarre più pubblico

LUGANO - In questi ultimi tempi si fa un gran parlare della formula dei campionati di Swiss League. Recentemente, tanto per esemplificare, il direttore delle Naziona...
23.11.2021
Sport