Mondo, 23 marzo 2019

Migliaia di giovani in piazza contro la censura di Internet imposta dall'UE

Da diverse settimane molte città europee, in particolare in Germania, sono teatro di manifestazioni di giovani (e meno giovani) contrari alla legge sul copyright attualmente in discussione al parlamento europeo.



L'aspetto più problematico di questa legge, il cui obiettivo è di proteggere gli autori di contenuti protetto da copyright impendenone la condivisione online, è che le principali piattaforme Internet, come Facebook, Twitter o YouTube, siano costrette a introdurre un filtro che verifichi che ciò che viene pubblicato non sia materiale di proprietà di qualcun altro. In pratica non si potrebbero più pubblicare video o immagini di film, fotografie, suoni, libri senza l'esplicito consenso dell'autore.



Il parlamento UE, di fronte alle critiche giunte da più parti, ha già introdotto eccezioni come la condivisione a scopo non commerciale, senza però riuscire a fugare i timori di chi ritiene si tratti solo di un tentativo di controllare ciò che viene condiviso online.



E così si è arrivati, con l'avvicinarsi del voto decisivo, a manifestazioni sempre più numerose e con un pubblico che è andato via via aumentando. In Germania ad essere preso di mira in particolare l'europarlamentare Axel Voss, principale ideatore della legge, e il suo partito CDU con i dimostranti che hanno usato lo slogan "#NieMehrCDU" ("mai più CDU") per mostrare la loro opposizione all'operato del partito.



Criticate anche l'SPD, anch'essa favorevole alla legge, e l'Unione europea. Come si può vedere nell'immagine sotto, le manifestazioni hanno avuto luogo perlopiù nell'Europa centrale e orientale. Se si può capire l'assenza del Regno Unito, alle prese con la Brexit, e della Francia teatro da mesi delle proteste dei gilet gialli, più curiosa e meno spiegabile è invece l'assenza di Spagna e Italia.



A prendere posizione contro la legge anche una personalità familare con il controllo governativo del web come Edward Snowden, che in un tweet pubblicato questa settimana invitava i cittadini UE a prendere parte alle proteste.



Di seguito altre immagini delle manifestazioni che stanno avendo luogo in diverse città europee.

































Guarda anche 

Norman Gobbi alla televisione romanda: "Uccidere la libertà degli svizzeri non migliorerà la sicurezza nell'UE"

Il Consigliere di Stato Norman Gobbi era ospite ieri della trasmissione "La Matinale" della televisione svizzera romanda per discutere della modifica delle Legg...
18.04.2019
Svizzera

Accordo quadro, nuove negoziazioni in vista?

Il Consiglio federale potrebbe dover condurre ulteriori negoziati con Bruxelles per migliorare l'accordo istituzionale negoziato con l'UE. Dopo una decisione anal...
17.04.2019
Svizzera

Fischer: “Entusiasmo e dedizione: la ricetta per il successo!”

LUGANO - La domanda che si fanno in molti è questa: riuscirà la Svizzera a trovare finalmente quella continuità di rendimento necessaria per res...
14.04.2019
Sport

La Brexit infinita: UE e Regno Unito d'accordo per un nuovo slittamento fino al 31 ottobre

La Brexit slitta ancora. Ieri, per il Regno Unito è stato un nuovo, ennesimo, giorno di passione. I leader del Consiglio europeo si s...
11.04.2019
Mondo