Svizzera, 23 marzo 2019

Bimbo ucciso a Basilea, la 75enne era piena di debiti

Ma perché? È la domanda che a Basilea si stanno facendo tutti all’indomani della morte di un bambino di sette anni pugnalato da una 75enne. E un perché, per adesso, non c’è ancora.

La Procura cantonale ha comunicato che la donna , di nazionalità svizzera, è stata sottoposta a una perizia psichiatrica. Il movente che ha spinto l’anziana al folle gesto è ancora tutto un punto di domanda, anche perché la vittima non aveva nessun tipo di rapporto con l’omicida.

Secondo quanto riportato da Telebasel e il 20 Minuten, però, il nome della 75enne non era del tutto sconosciuto alle forze dell’ordine. Come riportano i media oltre Gottardo, nel 2008 a suo carico c’era stata una procedura fallimentare dopo che aveva accumulato debiti per oltre 100mila franchi. A causa della scomoda situazione finanziaria era stato anche nominato un curatore.

L’autopsia sul corpo del piccolo ha appurato che la donna ha inflitto con un coltello una grave ferita all’altezza del collo. Il piccolo era stato portato all’ospedale in ambulanza per un’operazione d’urgenza, rivelatosi vano.

Guarda anche 

Iva riscossa illegalmente sul canone, ogni famiglia riceverà 50 franchi indietro

L'eccedenza dell'IVA riscossa illegalmente sul canone radiotelevisivo tra il 2010 e il 2015 dovrà essere rimborsata. Il Consiglio federale propone di versa...
18.04.2019
Svizzera

Uccise un portoghese per un portatile, 3,5 anni di carcere e espulsione. Il complice potrebbe scamparla per aver assunto farmaci

Il tribunale penale di Basilea-Città ha condannato giovedì un cittadino spagnolo a 3,5 anni di carcere commutato in misura stazionaria per aver partecipato ...
18.04.2019
Svizzera

Lucerna, allenatore di calcio giovanile filmava i bambini nudi negli spogliatoi

Un allenatore di calcio giovanile ha filmato i bambini che allenava nudi negli spogliatoi della piscina. I fatti hanno avuto luogo da novembre 2017 a dicembre 2018, ha af...
18.04.2019
Svizzera

Pagare 50 franchi ogni volta che si va al pronto soccorso? Se ne discute in Parlamento

Lo scorso anno, la Commissione del Consiglio nazionale per la sicurezza sociale e la sanità pubblica (CSSS) ha approvato due iniziative parlamentari volte a render...
18.04.2019
Svizzera