Svizzera, 10 marzo 2019

L'accordo quadro fa paura ai cantoni

L'accordo quadro svizzero-UE solleva molti interrogativi per i membri dei parlamenti cantonali. Il timore è quello di perdere le proprie autonomie cantonali..

In una riunione della Conferenza legislativa intercantonale a Berna venerdì, esperti e politici hanno informato i membri dei parlamenti sull'effetto che avrebbe l'attuazione dell'accordo quadro con l'UE. Il punto principale di questa discussione era sapere se e quali misure sarebbero necessarie per garantire che la sovranità dei cantoni non sia indebolita da accordi internazionali e intercantonali.

Più di 60 rappresentanti dei parlamenti di 14 cantoni di lingua francese e tedesca hanno preso parte a questo incontro. L'obiettivo era informare i politici sul ruolo che avrebbero svolto in futuro nello stato e incoraggiarli a cercare un dialogo con il loro governo.

Il Consiglio federale e la Conferenza dei governi cantonali non hanno presentato alcuna soluzione per garantire la futura competenza legislativa dei parlamenti cantonali e del popolo svizzero. Ciò è particolarmente rilevante per l'adozione dinamica della legge rispetto ad altri accordi bilaterali.

"I parlamentari hanno capito che devono essere coinvolti", ha affermato Esther Guyer (Verdi/ZH, nella foto), presidente della Conferenza legislativa intercantonale, all'agenzia Keystone-ATS e ripresa da "20 minutes, dopo la tavola rotonda. Molte domande sono state sollevate dagli oppositori e dai sostenitori dell'accordo quadro.

Gli argomenti discussi includevano gli aiuti di Stato e l'accesso alla Corte di giustizia dell'UE. Per l'adozione dinamica delle leggi UE, la questione era sapere quale margine di manovra potrebbero ancora avere la Svizzera e i cantoni, ha affermato Guyer.

La Conferenza legislativa interparlamentare è un organo rappresentativo dei parlamenti cantonali. Attualmente viene presieduta dal Cantone di Zurigo. Secondo Esther Guyer, nei prossimi mesi, la conferenza vuole espandersi e allargare il proprio raggio d'azione, con l'obiettivo di parlare con una voce sola.

Guarda anche 

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Il misterioso suicidio di un'alta funzionaria UE

“Laura Pignataro s’è suicidata il 17 dicembre. Questa alta funzionaria del servizio giuridico della  Commissione Europea (nella foto) era stata co...
21.05.2019
Mondo

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera