Svizzera, 10 marzo 2019

L'accordo quadro fa paura ai cantoni

L'accordo quadro svizzero-UE solleva molti interrogativi per i membri dei parlamenti cantonali. Il timore è quello di perdere le proprie autonomie cantonali..

In una riunione della Conferenza legislativa intercantonale a Berna venerdì, esperti e politici hanno informato i membri dei parlamenti sull'effetto che avrebbe l'attuazione dell'accordo quadro con l'UE. Il punto principale di questa discussione era sapere se e quali misure sarebbero necessarie per garantire che la sovranità dei cantoni non sia indebolita da accordi internazionali e intercantonali.

Più di 60 rappresentanti dei parlamenti di 14 cantoni di lingua francese e tedesca hanno preso parte a questo incontro. L'obiettivo era informare i politici sul ruolo che avrebbero svolto in futuro nello stato e incoraggiarli a cercare un dialogo con il loro governo.

Il Consiglio federale e la Conferenza dei governi cantonali non hanno presentato alcuna soluzione per garantire la futura competenza legislativa dei parlamenti cantonali e del popolo svizzero. Ciò è particolarmente rilevante per l'adozione dinamica della legge rispetto ad altri accordi bilaterali.

"I parlamentari hanno capito che devono essere coinvolti", ha affermato Esther Guyer (Verdi/ZH, nella foto), presidente della Conferenza legislativa intercantonale, all'agenzia Keystone-ATS e ripresa da "20 minutes, dopo la tavola rotonda. Molte domande sono state sollevate dagli oppositori e dai sostenitori dell'accordo quadro.

Gli argomenti discussi includevano gli aiuti di Stato e l'accesso alla Corte di giustizia dell'UE. Per l'adozione dinamica delle leggi UE, la questione era sapere quale margine di manovra potrebbero ancora avere la Svizzera e i cantoni, ha affermato Guyer.

La Conferenza legislativa interparlamentare è un organo rappresentativo dei parlamenti cantonali. Attualmente viene presieduta dal Cantone di Zurigo. Secondo Esther Guyer, nei prossimi mesi, la conferenza vuole espandersi e allargare il proprio raggio d'azione, con l'obiettivo di parlare con una voce sola.

Guarda anche 

Per Cassis la Svizzera non è una priorità: grazie PLR!

“Non mi sentirete mai dire Switzerland first”. Chi ha pronunciato questa frase? Il manager straniero di una multinazionale? Un soldatino o una soldatina del P...
05.08.2019
Svizzera

Cassis: "Da me non sentirete mai dire che la Svizzera viene per prima"

"Da me non sentirete mai dire Switzerland First": lo afferma il consigliere federale Ignazio Cassis in un intervista pubblicata domenica dal SonntagsBlick, seco...
05.08.2019
Svizzera

Il marito della "zingaraccia" che ha minacciato Salvini: "Ho rubato sì, ma agli svizzeri"

"A Salvini andrebbe tirato un proiettile in testa" è il proposito poco amichevole, ripreso da "Il Giornale", di una zingara residente in Italia...
04.08.2019
Mondo

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport