Svizzera, 10 marzo 2019

L'accordo quadro fa paura ai cantoni

L'accordo quadro svizzero-UE solleva molti interrogativi per i membri dei parlamenti cantonali. Il timore è quello di perdere le proprie autonomie cantonali..

In una riunione della Conferenza legislativa intercantonale a Berna venerdì, esperti e politici hanno informato i membri dei parlamenti sull'effetto che avrebbe l'attuazione dell'accordo quadro con l'UE. Il punto principale di questa discussione era sapere se e quali misure sarebbero necessarie per garantire che la sovranità dei cantoni non sia indebolita da accordi internazionali e intercantonali.

Più di 60 rappresentanti dei parlamenti di 14 cantoni di lingua francese e tedesca hanno preso parte a questo incontro. L'obiettivo era informare i politici sul ruolo che avrebbero svolto in futuro nello stato e incoraggiarli a cercare un dialogo con il loro governo.

Il Consiglio federale e la Conferenza dei governi cantonali non hanno presentato alcuna soluzione per garantire la futura competenza legislativa dei parlamenti cantonali e del popolo svizzero. Ciò è particolarmente rilevante per l'adozione dinamica della legge rispetto ad altri accordi bilaterali.

"I parlamentari hanno capito che devono essere coinvolti", ha affermato Esther Guyer (Verdi/ZH, nella foto), presidente della Conferenza legislativa intercantonale, all'agenzia Keystone-ATS e ripresa da "20 minutes, dopo la tavola rotonda. Molte domande sono state sollevate dagli oppositori e dai sostenitori dell'accordo quadro.

Gli argomenti discussi includevano gli aiuti di Stato e l'accesso alla Corte di giustizia dell'UE. Per l'adozione dinamica delle leggi UE, la questione era sapere quale margine di manovra potrebbero ancora avere la Svizzera e i cantoni, ha affermato Guyer.

La Conferenza legislativa interparlamentare è un organo rappresentativo dei parlamenti cantonali. Attualmente viene presieduta dal Cantone di Zurigo. Secondo Esther Guyer, nei prossimi mesi, la conferenza vuole espandersi e allargare il proprio raggio d'azione, con l'obiettivo di parlare con una voce sola.

Guarda anche 

Animali agonizzanti (anche) per un laboratorio svizzero

Un'inchiesta condotta dalle associazioni SOKO Tierschutz e Cruelty Free International ha rivelato la crudeltà con cui sono condotti gli esperimenti sugli anima...
16.10.2019
Svizzera

Michele Moor: Per un voto utile

“Anche se la politica non t’ interessa, è la politica che s’interessa a te”. Questa frase, che alcuni attribuiscono al fu presidente ame...
16.10.2019
Opinioni

Tweet pro Erdogan: licenziato in tronco. “Lontano dai nostri valori”

ST. PAULI (Germania) – Ciò che sta succedendo tra Turchia e Siria sta sconvolgendo il mondo, in tanti si stanno indignando e si domandano a cosa porteranno q...
15.10.2019
Sport

Michele Moor: Per una Svizzera sicura

Nello spazio di pochi giorni siamo venuti a conoscenza di tre, differenti episodi che ci parlano del rischio di diffusione dell’estremismo islamico nel nostro Pa...
15.10.2019
Opinioni