Svizzera, 07 marzo 2019

Fanno giocare i migranti con i Lego in modo che possano inserirsi meglio nel mercato del lavoro

Far giocare gli asilanti con i lego perchè si possano inserire meglio nel mercato del lavoro. È l'idea quantomeno bizzarra che ha avuto il canton Vaud nell'ambito di un programma denonimato “SwisStart” il cui obiettivo è quello di “sviluppare le capacità lavorative dei migranti qualificati, ma dipendenti dall'aiuto sociale, attraverso una formazione continua, corsi di lingua, stage professionale, coaching e sviluppare la rete di conoscenze”.

Ed è cosi che negli atelier del centro Innopark di Yverdon-les-Bains ogni giorno un gruppo di una decina di migranti si ritrova per giocare con i celebri blocchi danesi. "Per me, il Lego era qualcosa per i bambini. Ma durante quel giorno, mi sono reso conto che ci ha costretti a pensare alla nostra situazione, a pensare a nuove soluzioni e soprattutto ad esprimere cose di cui non eravamo a conoscenza ", dice Brahim, un agronomo siriano al portale romando “20 minutes”, che riporta la curiosa iniziativa.

E al suo “collega” Fernando, argentino laureato in commercio internazionale, di aggiungere: "Ho imparato a conoscere me stesso come non mi conoscevo
prima e ora visualizzo meglio gli ostacoli da superare per raggiungere il mio obiettivo a lungo termine: ottenere un contratto di lavoro indeterminato, nell'ambito in cui mi sono laureato o in un altro in relazione con esso."

La responsabile dell'attività, Ariane Wunderli, sostiene che giocare con i Lego consente di stimolare simultaneamente entrambi gli emisferi del cervello. Inoltre, la tecnica Lego “serious play” sarebbe stata inizialmente sviluppataper le aziende, e in particolare per i manager. Solo in seguito è stato adattato ai disoccupati e infine ai migranti qualificati.

"Se per uno svizzero ben integrato, avendo studiato e lavorato qui, a volte è difficile trovare un lavoro in un campo specifico, è ancora più complicato per una persona che non parla francese, i cui i diplomi non sono riconosciuti, chi non ha una rete di conoscenze e non sa nulla della nostra cultura. L'iniziativa del cantone deve quindi essere accolta favorevolmente, perché i migranti qualificati hanno un potenziale reale da sfruttare ", ha affermato François Egger, direttore di Innopark e fondatore di SwisStart.

Guarda anche 

Gli abitanti di una cittadina svittese si organizzano contro l'apertura di un centro per richiedenti l'asilo

Il comune di Arth, nel canton Svitto, conta poco più di 10'000 abitanti. Eppure più di un migliaio di loro erano presenti mercoledì sera nella pa...
20.04.2024
Svizzera

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

Casi di terrorismo in Svizzera in aumento e autori sempre più giovani

All'inizio di marzo nel centro di Zurigo un giovane radicalizzato ha accoltellato un ebreo ortodosso. La ricerca ha mostrato che l’autore del reato, di sol...
12.04.2024
Svizzera

L'Associazione dei Comuni svizzeri lancia l'allarme sull'asilo, "una situazione insostenibile"

Sempre più spesso i rifugiati vengono assegnati ai comuni senza una previa decisione in materia di asilo. Una situazione insostenibile secondo il vicepresidente de...
07.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto