Svizzera, 05 marzo 2019

Accordo quadro Svizzera-UE, il PS: "Favorevoli, ma restano troppe domande senza risposta"

Il PS svizzero si è detto favorevole alla conclusione di un accordo istituzionale con l'Unione europea. "Il progetto d'accordo messo in consultazione dal Consiglio federale lascia troppe domande senza risposta, a cominciare da quelle sulla protezione dei salari", afferma il Partito socialista in una nota stampa.

"Il governo ha posto in consultazione un documento minimalista di 30 pagine che non basta a rendere conto della portata e della complessità dell'accordo". Il PS gli sottoporrà dunque, nella sua risposta, una lista dettagliata di domande, che esigono risposte chiare se si vuole superare lo scoglio del referendum.

Cruciale" è per il PS la "questione dei salari". Quali minacce pesano su questi ultimi e sulle condizioni di lavoro? Come garantire l'attuale livello di protezione? Altra questione carica d'incognite sono gli aiuti statali. Che conseguenze implicherà il nuovo regime per le società di trasporti pubblici, le banche cantonali, le aziende elettriche, gli ospedali, la politica pubblica dell'alloggio o per la Posta?

Ancora da chiarire, secondo il PS, anche la procedura in caso di divergenze con l'Ue. "È possibile ottenere un compromesso in materia di protezione dei salari in cambio di concessioni sulla direttiva riguardante il diritto dei cittadini dell'unione?". Il PS si aspetta che il Consiglio federale "coordini le sue risposte con l'Ue al fine di evitare qualsiasi malinteso o divergenze d'interpretazione". Tutte le incertezze prevedibili devono essere eliminate il più presto possibile in vista di una probabile votazione popolare, sostiene il partito presieduto da Christian Levrat.

Guarda anche 

Cross cede il Gruppo Swiss Tools a Schaublin SA, una società affiliata di RBC Bearings Incorporated

  Pfäffikon, 15 agosto 2019 – L'azienda svizzera di private-equity Cross ha venduto la propria partecipazione di maggioranza al Gruppo Swiss To...
15.08.2019
Svizzera

Vallese, riprese le ricerche dei due dispersi

Sono riprese questa mattina le ricerche dell'uomo e della bambina travolti domenica dallo straripamento di un torrente a Chamoson, nel Basso Vallese. La polizia st...
13.08.2019
Svizzera

"La Svizzera non è più un paese sicuro", l'UDC vuole misure severe

BERNA - La Svizzera non è più un paese sicuro, sostiene l'UDC. In un documento strategico presentato oggi, il partito afferma che la colpa è dell...
13.08.2019
Svizzera

Vallese, padre e figlia dispersi: "Non c'è nessuna possibilità di trovarli vivi"

Non c'è più nessuna possibilità di trovare ancora vive le due persone travolte ieri dallo straripamento di un torrente a Chamoson, nel Basso Vall...
12.08.2019
Svizzera