Sport, 06 marzo 2019

0-4 in stagione? Eppure l’Ambrì può giocarsela

Le statistiche stagionali dei leventinesi e del Bienne lasciano intuire che la serie potrebbe essere molto aperta e tirata

AMBRÌ – Dopo un’attesa lunga 5 anni, dopo tante sofferenze e qualche delusione di troppo, finalmente l’Ambrì è pronto a far capolino nei playoff: il giusto premio per una gran bella stagione, che ha visto i ragazzi di Cereda veleggiare spesso nelle zone alte della classifica, mostrare un gran bell’hockey, per poi concedere qualcosa di troppo alle rivali.

In ogni caso la classifica al termine delle 50 partite stagionali ha parlato chiaro e ha emesso il suo verdetto: Bianchi e compagni sfideranno il Bienne dell’ex Fuchs. Quel Bienne capace di battere 4 volte su 4 i leventinesi in regular season, eppure le statistiche del campionato possono far sperare in bene.

Bienne micidiale in attacco. I Seelanders in stagione sono andati a bersaglio in 149 occasioni, risultando il 3° miglior attacco dell’intero campionato. L’Ambrì può rispondere facendo leva sulle 138 reti siglate (6° attacco).

Equilibrio in difesa. La fase difensiva non è certo il punto di forza di entrambe le compagini e quindi c’è molto equilibrio: il Bienne ha concesso 138 segnature (7a miglior difesa), mentre i leventinesi hanno dovuto raccogliere il disco in fondo al sacco in 140 occasioni (8a miglior retroguardia).

Ambrì, che powerplay! Il vero punto di forza, su cui dovranno basarsi in maniera importante e costante i biancoblù sarà il gioco in superiorità numerica. In campionato il powerplay ha punito gli avversari ben 40 volte, concludendo la regular season con un interessante 20.73%, risultando il 2° migliore della Lega. Il Bienne può contare sull’8° powerplay del campionato (35 reti siglate, con una percentuale del 17.59%).

Penalty Killing di livello. Entrambe le compagini si sanno difendere bene con l’uomo in meno, risultando la 4a e la 5a forza del campionato in questa situazione speciale. Il Bienne ha incassato 30 reti con l’uomo in meno (83.33%), mentre l’Ambrì si è dovuto arrendere 35 volte (81.87%).

Kubalik, l’arma in più. Ma attenzione a Rajala! In casa leventinese si sorride ogni qualvolta si pensa a Dominik Kubalik: 25 reti (3° bomber stagionale), spesso decisivo con i suoi 57 punti messi a referto. È lui il miglior Top Scorer della Lega. Ma attenzione: il Bienne potrà contare non solo su Brunner, ma soprattutto su Toni Rajala, capace di siglare 27 gol, risultando il 2° cecchino della regular season. Con i suoi 48 punti totali, è il 4° miglior Top Scorer.

Conz e Hiller: si può fare meglio. Sembrerebbe strano, perché entrambi i portieri sono spesso risultati decisivi, ma dando un occhio alle statistiche, notiamo che Conz è il 6° miglior portiere del campionato (91.83%), mentre l’ex NHL è addirittura 9°, con il 91.19% di salvataggi.

Tissot Arena e Valascia: si può vincere in trasferta. Ebbene sì: entrambe le compagini durante la stagione hanno concesso qualcosa tra le mura amiche. Il Bienne risulta infatti 7° con i suoi 44 punti ottenuti in casa, l’Ambrì 6°, con 46 punti messi in cascina. Attenzione ai Seeladers che in trasferta hanno raccolto 35 punti, contro i 33 dei leventinesi. Insomma: c’è totale equilibrio.

Guarda anche 

SONDAGGIO – Mercato fermo, DS disperso: Lugano, che fai?

LUGANO – Dopo gli arrivi di Reto Suri, Dominic Lammer, Sandro Zangger e di Sandro Zurkirchen – che hanno fatto da contraltare alle partenze di Elvis Merzlikin...
21.05.2019
Sport

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine s...
20.05.2019
Sport

Kostner: “Questa Svizzera è da podio”

BRATISLAVA (Slovacchia) – Non sarà certamente un Mondiale da ricordare, quello della Nazionale italiana. Il bilancio, del resto, è lì, tutto da...
20.05.2019
Sport

La strada è tracciata, ma alla Svizzera manca l’ultimo passo

BRATISLAVA (Slovacchia) – Dopo l’incredibile argento di Copenaghen, dopo l’ottimo avvio del Mondiale slovacco, la Svizzera aveva bisogno di capire di ch...
19.05.2019
Sport