Svizzera, 05 marzo 2019

I criminali stranieri non potranno più lasciare (legalmente) la Svizzera per sfuggire alla pena

I criminali stranieri non dovrebbero più essere in grado di sfuggire alla propria pena ritornando legalmente nel loro paese di origine. Il Consiglio nazionale ha approvato lunedì all'unanimità un emendamento del Consiglio federale. Il Consiglio degli Stati deve ancora decidere.

Il trattato consente a un criminale straniero di espiare, a determinate condizioni, la pena nel proprio paese d'origine, ha spiegato Lisa Mazzone (Verdi / GE) per conto della Commissione. L'obiettivo è promuovere il reinserimento sociale nel paese di origine delle persone condannate.

La Svizzera potrà quindi, in futuro, impedire agli stranieri che sono oggetto di procedimenti penali o che sono stati processati in Svizzera di sottrarsi all'esecuzione della loro condanna ritornando legalmente nel loro paese di origine

In tali circostanze, Berna può chiedere all'altro Stato che quest'ultimo si impegni nell'esecuzione della sentenza. La Svizzera può anche chiedere il trasferimento di una persona condannata se quest'ultima è soggetta ad espulsione o allontanamento anche se rifiuta di dare il suo consenso.
Il protocollo di modifica può essere applicato direttamente, senza adattamento della legge svizzera, ha aggiunto Lisa Mazzone.

Senza menzionarlo, il governo fa riferimento al caso di Laurent Ségalat, cittadino francese condannato nel 2012 a 14 anni di carcere per aver ucciso sua suocera a Vaux-sur-Morges (VD) nel gennaio 2010.

Non è comparso in tribunale quando il verdetto è stato annunciato, tornando in Francia dove vive da allora, anche se era ufficialmente ricercato dalla Svizzera. Precisione di importanza: non era fuggito dal territorio svizzero, ma lo aveva lasciato in modo del tutto legale.

Nonostante le diverse richieste da parte della Svizzera, la Francia aveva infine annunciato nel maggio 2015 il suo rifiuto di applicare la sentenza imposta a Laurent Ségalat. Ha considerato che "le condizioni non erano soddisfatte". In altre parole: mancanza di basi legali.

Con il suo testo, il Consiglio federale intende "correggere le carenze e migliorare la cooperazione internazionale". L'emendamento crea la base giuridica necessaria affinché un “caso Ségalat” non possa ripetersi.

Più in generale, Berna sottolinea il suo desiderio di combattere l'impunità e "stabilire il rispetto della legge in un contesto più ampio". È "un obiettivo prioritario della politica criminale svizzera": impedire a una persona condannata in Svizzera di sottrarsi all'esecuzione rientrando nel suo Stato di origine, a prescindere dal modo in cui lo fa, ha ribadito il Consiglio federale.

Guarda anche 

Nascondeva i reati commessi da richiedenti l'asilo, si dimette ministro olandese

Il ministro della giustizia e della sicurezza olandese Mark Harbers (nella foto) si è dimesso dopo che il suo dipartimento è stato messo sotto accusa di ave...
22.05.2019
Mondo

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera