Ticino, 14 febbraio 2019

"Al Consiglio federale piace farsi prendere in giro dall’Italia? A noi no"

"Sconcerto, ma nessuna sorpresa". La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sulla risposta del Consiglio federale all'interpellanza del consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri (vedi articoli correlati), la quale in sostanza chiedeva sostegno a Berna nel caso in cui il Ticino prendesse la decisione di bloccare i ristorni dei frontalieri. Di conseguenza, "stante la volontà del Consiglio federale", secondo il movimento di Via Monte Boglia, "il Consiglio di Stato non ha più alcuna scusa" per non decidere il blocco dei ristorni.

Di seguito il comunicato integrale:

La Lega dei Ticinesi prende atto con sconcerto, ma senza nessuna sorpresa, della risposta del Consiglio federale all’interpellanza del consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri su un appoggio del CF al Ticino in caso di decisione di blocco dei ristorni da parte di una maggioranza del CdS davanti all’ormai evidente (da anni) volontà italiana di affossare il “nuovo” accordo sulla fiscalità dei frontalieri.

Il CF nella sua presa di posizione ribadisce il proprio njet a qualsiasi misura volta a far efficacemente valere le ragioni elvetiche nei confronti dei vicini a sud. E dire che quattro anni Eveline Widmer Schlumpf aveva promesso la disdetta unilaterale della Convenzione del 1974…

Con i suoi reiterati inviti a proseguire sempre e comunque sulla via, ampiamente dimostratasi fallimentare, del dialogo inconcludente, il CF condanna la Svizzera a venire presa in giro in eterno dalla vicina Repubblica ed il Ticino a continuare a farsi carico, da solo, dei costi esorbitanti – stiamo parlando infatti di oltre 83 milioni di Fr all’anno – della Convenzione del 1974, vetusta e superata dagli eventi.

Stante la volontà del CF di perpetrare l’attuale situazione di stallo, il CdS non ha più a questo momento alcuna scusa per non prendere in mano la situazione e decidere, già alla sua prossima seduta, il blocco dei ristorni, a più riprese proposto dagli esponenti leghisti Gobbi e Zali.

La Lega si interroga infine sulla posizione del CF Cassis (PLR) sulla risposta all’interpellanza Quadri: se è vero che Cassis, come dalle sue ultime dichiarazioni, è “irritato” con l’Italia per il continuo temporeggiamento sul nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri, avrebbe dovuto opporsi ad una presa di posizione dal tenore tanto rinunciatario.

Chissà perché, c’è invece il sospetto che il ministro PLR, con le sue dichiarazioni “bellicose” nei confronti del Belpaese, abbia semplicemente voluto reggere bordone al suo partito cantonale che, dato il periodo elettorale, ha pensato bene di fotocopiare le posizioni della Lega contrarie ai ristorni (“politica Xerox”).

Lega dei Ticinesi






 

Guarda anche 

Doganieri italiani avrebbero confiscato disinfettante destinato alla Svizzera

Oltre 37 mila confezioni di gel igienizzante per le mani sono state sequestrate dall’Agenzia delle dogane allo scalo ferroviario di Domodos...
07.04.2020
Svizzera

Il Consiglio federale valuta le strategie per uscire dalla crisi

La pressione per rilanciare l'economia svizzera sta diventando sempre più forte sul Consiglio federale. L'UDC, il PLR e le associazioni padronali chiedono ...
05.04.2020
Svizzera

Gli svizzeri (e i ticinesi) rimangono a casa? La risposta di Google

Lo scorso venerdì google ha pubblicato i dati sui movimenti dei suoi utenti in 131 paesi. Come si vede nel grafico sotto, in Svizzera i movimento verso il posto la...
05.04.2020
Svizzera

Conte proroga il confino degli italiani al 13 aprile, "dopo dovremo imparare a convivere con il virus"

Il premier italiano Giuseppe Conte ha firmato mercoledì sera il decreto che posticipa al 13 aprile le misure di contenimento del coronavirus, inclusa la ...
02.04.2020
Mondo