Svizzera, 12 febbraio 2019

Partita quattro anni fa dalla Svizzera per unirsi all'ISIS, ora chiede di poter ritornare

Partita quattro anni fa da Losanna per unirsi all'ISIS in Siria, una residente del canton Vaud, attualmente detenuta in un campo di internamento curdo in Siria, vuole tornare in Svizzera con sua figlia. Da parte loro, le autorità federali non hanno ancora preso una decisione.

Quattro anni fa, Selina S. (nome di fantasia) partì per la Siria per unirsi all'organizzazione terroristica ISIS insieme al marito. Poco più di due anni dopo, la coppia ha una figlia. Oggi la situazione sembra irrisolta. La giovane donna vuole tornare in Svizzera, ma Berna non ha ancora dato la sua risposta.

"È come se indossassii un'etichetta dello Stato Islamico per il resto della mia vita, mia figlia non è una bambina normale, è una" bambina dello Stato Islamico ". Siamo trattati peggio degli animali. siamo mostri e non abbiamo il diritto di vivere e avere un futuro ", si lamenta Selina S. ai microfoni della SRF, recatasi in Siria per incontrare la terrorista.

Si dice pronta a assumere le conseguenze delle sue azioni: "Forse abbiamo commesso un errore, ma siamo pronti a pagare per questo errore", dice, senza precisare a quali conseguenze si riferisce.

Un caso emblematico

La storia e il caso di Selina S. sono emblematici di tutte quelle persone che hanno aderito al gruppo dello Stato Islamico e che, ora che lo Stato Islamico è prossimo alla scomparsa, vorrebbero tornare. In tutto, ci sarebbero cinque svizzeri in questa situazione, una situazione che pare essere piuttosto imbarazzante per le autorità federali. Anche la residente a Losanna e suo marito, attualmente detenuto in un carcere curdo, sono soggetti a procedimenti penali in Svizzera.

Incertezza che preoccupa la famiglia

La sorella di Selina S., che vive in Svizzera, è preoccupata per le condizioni di internamento in Siria: "Mia sorella mi ha detto che faceva molto freddo in questo campo, e che non avevano di che riscaldarsi. Le notti sono estremamente fredde (...) Trovo che per una ragazza di un anno e mezzo non siano condizioni accettabili".

Ma per la famiglia, è soprattutto l'incertezza che è l'elemento più doloroso. "Ci aspettiamo una risposta dallo stato (...) se vogliono fare qualcosa, ci dicono chiaramente, perché la nostra famiglia è stanca di aspettare in questo modo (...) siamo preoccupati per loro (...) ci dicono chiaramente se vogliono fare qualcosa e rimpatriarli e se non vogliono, che ce lo dicano", chiede la sorella di Selina S. La delicata questione del rimpatrio sarà affrontata a breve sotto la cupola federale.

Le voci contrarie a qualsiasi rimpatrio si trovano piuttosto a destra, come quella del Consigliere nazionale UDC Roland Rino Büchel (SG), secondo cui "non bisogna nemmeno prendere in considerazione il rimpatrio di questa coppia di terroristi". D'altra parte la sinistra, più possibilista ad aiutare questi estremisti islamici, come il Consigliere nazionale PS Carlo Sommaruga (GE) , per cui "sono dell'idea che qualsiasi cittadino svizzero che si trovi in difficoltà all'estero, quale che sia il motivo, abbia diritto ad essere aiutato dallo stato". Una posizione che però finora non sembrerebbe trovare maggioranze nella Berna federale.

Guarda anche 

Non vuole portare il velo nè studiare il Corano, pestata e maltrattata dalla madre

Costretta a dormire per terra o lasciata a piedi nudi davanti a una finestra aperta, in inverno. Queste alcune delle violenze, psicologiche e fisiche, che un'ado...
21.02.2019
Mondo

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera

Ghiringhelli: “Il 7 aprile contro l'islamizzazione votate UDC e Lega dei ticinesi, il PPD merita l'estromissione dalla scena politica”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato inviato dal fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli, autore della petizione in cui si chiedeva di v...
21.02.2019
Ticino

Proteste contro il gender a scuola nel Regno Unito. Ma a manifestare sono solo i musulmani

Settimana scorsa, a Birmingham, nel Regno Unito, più di 300 tra genitori e alunni si sono riuniti fuori dai cancelli di una scuola elementare per protestare contro...
21.02.2019
Mondo