Svizzera, 08 febbraio 2019

Accordo quadro, si rischia un'esplosione dell'assistenza

Le discussioni sull'accordo quadro istituzionale tra la Svizzera e l'Unione europea (UE) sono bloccate al momento, e questo per diversi motivi. Se Berne lo accettasse, la Svizzera rischia di essere costretta da un tribunale arbitrale ad adottare la direttiva sul diritto dei cittadini UE all'accesso alle prestazioni assistenziali. Bruxelles ci tiene, ma Berna non lo vuole affatto. Questa direttiva avrebbe pesanti conseguenze per il nostro paese, riferisce giovedì il "Tages-Anzeiger".

Stando al foglio zurighese gli Stati membri devono trattare tutti i cittadini dell'UE su un piano di parità, anche in ambito sociale. Specifica anche quali cittadini possono richiedere assistenza sociale in Svizzera se viene applicata la direttiva, spiega il" Tagi". Ed è qui che si trova il problema, poiché molti più stranieri di oggi potrebbero averne diritto rispetto a oggi.

Disoccupazione e assistenza per i cittadini UE: cosa cambierebbe

Innanzitutto, ci sono i disoccupati. Oggi, le persone licenziate non hanno diritto all'assistenza sociale se vivono in Svizzera da meno di un anno. Se sono rimasti per più di un anno, possono stare in assistenza per 6 mesi dopo la perdita del loro lavoro o la fine di un eventuale sussidio di disoccupazione. Ma con la direttiva, i cittadini dell'UE potranno beneficiare dell'assistenza sociale per sei mesi nel primo anno di residenza dopo il loro licenziamento. Se vivono da più di un anno in Svizzera, il diritto all'assistenza sociale è illimitato per tutta la durata del permesso di soggiorno.

Il cambiamento riguarderebbe anche chi non ha mai lavorato. L'attuale accordo sulla libera circolazione consente ai cittadini dell'UE che non lavorano ma che hanno un reddito sufficiente - ad esempio pensionati benestanti - di trasferirsi in Svizzera. Ma oggi non hanno il diritto a prestazioni assistenziali. Se ricevono aiuti, il loro permesso di soggiorno può essere ritirato. Con la direttiva, non solo avranno diritto a prestazioni sociali dopo tre mesi di residenza legale in Svizzera, ma non potranno più essere allontanate.

Anche gli studenti

Altri gruppi di persone sarebbero interessati dall'estensione del diritto all'assistenza sociale. Come gli studenti. Oggi, se vengono a studiare in Svizzera, non ne hanno diritto. Se sono obbligati a farne richiesta, rischiano di perdere il permesso di soggiorno. Con la direttiva, non saranno più esclusi dall'assistenza sociale e nemmeno loro potranno più essere espulsi.

Infine, ci sono residenti permanenti con un passaporto europeo. Oggi non hanno diritto a un diritto di soggiorno automatico e illimitato. Ma con la direttiva, un cittadino dell'UE diventerebbe un residente permanente dopo cinque anni di residenza legale in Svizzera. Questo status non può essere ritirato anche se il cittadino UE è stato in assistenza per un periodo prolungato.

Quali sarebbero le conseguenze finanziarie di una simile direttiva? Secondo il Tages-Anzeiger, che ha interpellato la Segreteria di Stato per la migrazione sulla questione, non ci sono al momento calcoli affidabili e approvati. Ma nei suoi commenti sull'argomento, il Consiglio federale avrebbe parlato di questa questione come di un "aspetto particolarmente problematico".

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

"L'accordo quadro è un trattato di sottomissione"

L'UDC, riunito sabato in assemblea online, non vuole un accordo quadro con l'Unione europea e lo combatterà con tutte le sue forze. I delegati hanno infatt...
25.10.2020
Svizzera

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport