Ticino, 08 febbraio 2019

"Quale futuro per l’ex brigatista Baragiola Lojacono?"

I deputati Boris Bignasca, Jacques Ducry e Sebastiano Gaffuri interrogano il Governo ticinese sul caso dell'ex brigatista Baragiola

Nelle scorse settimane, complici le esternazioni del Vice Premier italiano Salvini, sono tornati agli onori della cronaca gli ex terroristi degli "anni di piombo" dopo l'estradizione dalla Bolivia di Cesare Battisti. Negli elenchi dei latitanti fuggiti all’estero figura anche Baragiola Lojacono, condannato per due assassini (di un giudice e un militante di destra negli anni '70). Baragiola fece parte del commando che nel 1978 rapì il presidente della Dc Aldo Moro assassinando alcune sue guardie del corpo. Fuggito in Svizzera, ricevette il passaporto rossocrociato e rifiutò quello italiano, così da non poter essere estradato. Ha vissuto in Ticino per diversi anni, è stato arrestato a Lugano l’8 giugno 1988 e fu condannato per il caso Tartaglione, ora sembrerebbe che lavori per un’università svizzera (Friborgo) in qualità di “esperto su temi di sicurezza e conflitti” (e non è sarcasmo!). A prescindere dalle richieste italiane di estradizione, sulle quali si dovranno chinare gli organi di competenza, a noi preme fare chiarezza sul trascorso in Ticino, sulla concessione
di naturalizzazione e sulle responsabilità politiche assunte dai responsabili di allora.

Stante la gravità della situazione emersa, si chiede al lodevole Consiglio di Stato:

1) Chi fu Consigliere di Stato a capo del Dipartimento di Polizia, degli Interni e di Giustizia ai tempi dell’accaduto?
2) Quali erano i rapporti tra l’allora Governo, rispettivamente i singoli Consiglieri di Stato e la famiglia Baragiola?
3) Come è possibile che un terrorista ricercato internazionalmente abbia ricevuto il passaporto svizzero? Quali verifiche vennero svolte?
4) Per quali capi d’accusa è stato processato e condannato Baragiola in Svizzera?
5) Vi sono stati altri procedimenti oltre a quello per cui è stato processato, aperti nei suoi confronti in Svizzera? In caso affermativo, come si sono chiusi? Rispettivamente vi sono incarti ancora aperti nei suoi confronti?


Cordialmente,

Boris Bignasca, Lega dei Ticinesi
Jacques Ducry, PS indipendente
Sebastiano Gaffuri, PLR

Guarda anche 

Bignasca chiede di vedere i conti delle Commissioni paritetiche: "No, sono top secret"

Le Commissioni paritetiche dispongono di ingenti mezzi finanziari, grazie alle trattenute dalle buste paga di lavoratrici e lavoratori e ai contributi obbligatori versati...
29.05.2021
Ticino

Boris Bignasca e Fabio Schnellmann i più votati del Consiglio comunale di Lugano

A Lugano il consigliere comunale rieletto con il maggior numero di voti è Boris Bignasca. Il leghista è stato brillantemente confermato con 7'225 voti p...
20.04.2021
Ticino

Storico! Attilio Bignasca con il grande Johann Cruyff

Qualche anno fa, durante una delle sue apparizioni quotidiane nella redazione del Mattino della Domenica, Attilio Bignasca tirò fuori da una busta...
31.03.2021
Sport

30 anni di Lega, tra pragmatismo e difesa dei nostri valori

Per tanto tempo giornalisti, avversari e profeti di sventura hanno fatto il funerale anticipato alla Lega. Fin dalla sua nascita si è infatti preannunciata l'i...
07.03.2021
Ticino