Ticino, 07 febbraio 2019

Abusopoli, Pau-Lessi informò Sandrinelli: "Ma nessuno mi parlò di rapporti sessuali"

Ivan Pau-Lessi, l’ex responsabile dell’Ufficio delle famiglie e dei minorenni, si è autosospeso dal Consiglio della magistratura, dove sedeva quale membro non togato. La sua decisione è arrivata a seguito delle parole pronunciate dal giudice Marco Villa durante il processo a carico dell’ex collaboratore del DSS accusato di coazione sessuale. Pau-Lessi ha spiegato la sua versione dei fatti in un memoriale indirizzato al Consiglio di Stato pubblicato dal Corriere del Ticino.

Il membro del PS spiega ciò che avvenne nel 2005, quando alcuni giovani si lamentarono dell’uomo condannato per coazione. “Premetto – scrive Pau-Lessi - che quanto affermato dal giudice Villa ma soprattutto l'effetto delle sue parole prodotto sui media e dalle conseguenti sollecitazioni della politica, hanno avuto su me e la mia famiglia un effetto rovinoso, moralmente devastante”. Pau-Lessi ritiene di aver svolto “il mio lavoro in modo rigoroso, attento trasparente. Onestamente, al momento del mio pensionamento, credevo di esserci riuscito e ne andavo fiero. Le accuse che mi vengono ora mosse mi lasciano totalmente interdetto, incredulo e disorientato”.

“Da quanto riferito dai media – continua – risulterebbe che a suo tempo (suppongo nel 2005) alcuni giovani mi avevano incontrato e che in tale circostanza mi avrebbero parlato di abusi (rapporti) sessuali commessi dall’operatore sociale nei loro confronti. Prima di riferire di quanto io allora ero ( o, meglio, non ero) a conoscenza, vorrei dire due parole sulla mia convocazione presso il Ministero pubblico”.

“Solo durante l'audizione – scrive nel memoriale -realizzai che il verbale era (anche) finalizzato a contestarmi dichiarazioni rilasciate da una giovane la quale asseriva che (molti) anni prima in occasione di una nostra riunione (presenti altri due giovani) mi aveva riferito che I’operatore sociale aveva avuto dei rapporti sessuali con minorenni e con lei e che questo avveniva sotto minacce psicologiche che lui formulava. Rimasi basito ma anche disorientato, confuso di fronte a questa contestazione totalmente inaspettata e che mi coglieva completamente di sorpresa”.

E ancora: “Rispetto a quanto mi sarebbe stato riferito dai giovani anni addietro, rilevo che in effetti nel 2005 (tredici anni fa!) alcuni ragazzi (salvo errore tutti maggiorenni) del Forum dei giovani mi avevano chiesto un incontro. Stando ai miei appunti all'incontro vennero in tre. In occasione di quell'incontro i tre giovani mi vollero raccontare di comportamenti discutibili tenuti dall'operatore sociale, delle sue modalità nello svolgere il suo ruolo di sostegno per I'organizzazione del Forum e del fatto che ‘ci provava’ con le giovani. Io presi atto di queste dichiarazioni e il giorno dopo mi feci degli appunti, riconoscendo la delicatezza di quanto riferitomi”. In nessun caso, precisa, “qualcuno mi parlò di rapporti sessuali, men che meno estorti. Fosse stato così lo avrei segnato nelle mie note dell'incontro (che allego a questo mio scritto per vostra informazione) e, evidentemente, ne avrei parlato con i miei superiori (rammento che in effetti il giorno dopo ne parlai con R. Sandrinelli, (ndr. Roberto, Sandrinelli era capostaff alla Divisione sociale e delle famiglie) ma del tema dell'operatore sociale in generale e non di rapporti sessuali”.

“Il mio errore – conclude Pau-Lessi in occasione dell'interrogatorio presso il Ministero pubblico - mancandomi peraltro in quel frangente qualsiasi consiglio o appoggio - è stato quello di non smentire categoricamente la ragazza che diceva di avermi parlato dei rapporti sessuali da lei avuti o che stava avendo con l’operatore sociale: non l'ho fatto perché, ingenuamente, pensai che alla fine, senza dover entrare in polemica con la giovane, le cose sarebbero comunque risultate chiare sulla scorta dei miei appunti e che, palesemente, vi era un errore in quello che lei diceva (per lei era passato molto tempo e sicuramente aveva parlato dei rapporti tra lei e l’operatore sociale con altre persone). Con il senno di poi, mi chiedo però anche se il magistrato inquirente, consapevole dell'estrema delicatezza della cosa e delle conseguenze potenzialmente per me rovinose dell’interrogatorio, non avesse dovuto rendermi attento alla cosa”.

Guarda anche 

Uno svizzero e una dominicana in manette, sembra collaborassero con un grosso carico di cocaina dal Nord Europa al Ticino

LUGANO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le Polizie comunali di Lugano, Ceresio Sud e Vedeggio comunicano che negli scorsi giorni sono stati arrestati un 27...
19.04.2019
Ticino

Beccato! Un giovane imbratta via Bossi, identificato (e denunciato) grazie all'impianto di videosorveglianza

CHIASSO - La Polizia cantonale comunica che è stato identificato e denunciato l'autore di una quindicina di danneggiamenti (graffiti) effettuati nella zona di ...
19.04.2019
Ticino

Borradori: "La croce rimane al suo posto"

l caso è chiuso. O almeno, si sta provando a chiuderlo. La croce d'acciaio, dal nome "Luca Divina" di Helidon Xhixha che rientra nella most...
18.04.2019
Ticino

Importanti modifiche alla Legge sul turismo

Il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE), ha licenziato un messaggio che propone alcune importanti modifiche alla Leg...
17.04.2019
Ticino