Mondo, 11 gennaio 2019

Alla "Provincia di Como" se la sono presa per gli italiani licenziati, "si potrebbe ipotizzare un autolicenziamento di massa dei frontalieri"

A qualcuno nella redazione de la "Provincia di Como" non sembra decisamente essere andata giù la vicenda dei due frontalieri italiani licenziati per aver pesantemente insultato la Svizzera e la polizia dopo essere stati multati (vedi articoli correlati). Al punto da invocare addirittura un possibile "autolicenziamento di massa" dei frontalieri italiani.

In un articolo pubblicato questa mattina, la Provincia di Como riferisce infatti di una coppia di ticinesi che si è lamentata con il comune di Como per una multa sostenendo che l'avrebbero ricevuta perchè svizzeri.

Da qui la Provincia di Como fa un parallelismo con la manager italiana che a sua volta aveva accusato la polizia ticinese di discriminarla (omettendo, "stranamente", che la manager italiana era stata licenziata per gli insulti e non certo perchè si era semplicemente lamentata).

E quindi ecco che il giornale italiano ipotizza una "rappresaglia" contro il canton Ticino a causa della coppia ticinese. "Da questa parte del confine, di ticinesi da licenziare per vendetta non ne abbiamo. Tutt’al più potremmo ipotizzare un auto licenziamento in massa dei nostri connazionali impiegati di là. Il Ticino chiuderebbe bottega, ma sarebbe una crudeltà sproporzionata all’offesa" scrivono nel loro articolo.

In ogni caso alla Provincia di Como non sembrano conoscere molto bene la realtà ticinese. La loro ipotesi di un autolicenziamento di massa dei frontalieri non sarebbe vissuta affatto come una "crudeltà" da una gran parte dei ticinesi ma bensì come un dono dal cielo. Meno entusiasti probabilmente sarebbero i loro connazionali "autolicenziati". Il Ticino chiuderebbe bottega, dicono loro. Rimane da dimostrare. Che decine di migliaia di italiani rimarrebbero senza lavoro, quella, è una certezza.

Guarda anche 

Una Consigliere nazionale dei Verdi vuole abolire il primo d'agosto e sostituirlo con una festività per le donne

Il 16 marzo 1971 è indubbiamente una data importante. La Svizzera introduce il suffragio femminile, una delle ultime nazioni in Europa a farlo. Tuttavia, questa da...
24.05.2019
Svizzera

Lugano, disoccupati e persone in assistenza esonerati dalla tassa di cancelleria

Il Municipio di Lugano, nella sua seduta odierna, ha deciso di esonerare i cittadini in disoccupazione e a beneficio di prestazioni assistenziali dal pagamento delle tass...
23.05.2019
Ticino

"Chi non ha impegni importanti è pregato di scendere", le FFS alle prese con treni troppo pieni

"Come pendolare ho già visto un sacco di cose, ma questo oltrepassa tutto" racconta un utente delle FFS al portale “20 minuten”. Gioved&igrav...
23.05.2019
Svizzera

Boris Bignasca: "La sinistra vuole mettere le mani sulla RSI tramite l'assemblea della CORSI"

La CORSI intende aumentare la propria influenza sia nelle nomine che nei programmi della RSI. È quanto si apprende da un dossier che i vertici della Cooperativa ha...
23.05.2019
Ticino