Mondo, 11 gennaio 2019

Alla "Provincia di Como" se la sono presa per gli italiani licenziati, "si potrebbe ipotizzare un autolicenziamento di massa dei frontalieri"

A qualcuno nella redazione de la "Provincia di Como" non sembra decisamente essere andata giù la vicenda dei due frontalieri italiani licenziati per aver pesantemente insultato la Svizzera e la polizia dopo essere stati multati (vedi articoli correlati). Al punto da invocare addirittura un possibile "autolicenziamento di massa" dei frontalieri italiani.

In un articolo pubblicato questa mattina, la Provincia di Como riferisce infatti di una coppia di ticinesi che si è lamentata con il comune di Como per una multa sostenendo che l'avrebbero ricevuta perchè svizzeri.

Da qui la Provincia di Como fa un parallelismo con la manager italiana che a sua volta aveva accusato la polizia ticinese di discriminarla (omettendo, "stranamente", che la manager italiana era stata licenziata per gli insulti e non certo perchè si era semplicemente lamentata).

E quindi ecco che il giornale italiano ipotizza una "rappresaglia" contro il canton Ticino a causa della coppia ticinese. "Da questa parte del confine, di ticinesi da licenziare per vendetta non ne abbiamo. Tutt’al più potremmo ipotizzare un auto licenziamento in massa dei nostri connazionali impiegati di là. Il Ticino chiuderebbe bottega, ma sarebbe una crudeltà sproporzionata all’offesa" scrivono nel loro articolo.

In ogni caso alla Provincia di Como non sembrano conoscere molto bene la realtà ticinese. La loro ipotesi di un autolicenziamento di massa dei frontalieri non sarebbe vissuta affatto come una "crudeltà" da una gran parte dei ticinesi ma bensì come un dono dal cielo. Meno entusiasti probabilmente sarebbero i loro connazionali "autolicenziati". Il Ticino chiuderebbe bottega, dicono loro. Rimane da dimostrare. Che decine di migliaia di italiani rimarrebbero senza lavoro, quella, è una certezza.

Guarda anche 

Rubati i dati di 130mila aziende che avevano richiesto i prestiti Covid

Una lista con i nomi di circa 130 000 aziende sarebbe stata sottratta da hacker criminali. Si tratta di imprese che avevano richiesto un credito COVID-19 nel 2020 utilizz...
21.10.2021
Svizzera

Pronti, si gusta. Torna Sapori e Saperi

Da ben 20 anni si rinnova, in autunno, l’appuntamento con la popolare rassegna dei prodotti agroalimentari ticinesi “Sapori e Saperi”. Si tratta della p...
21.10.2021
Ticino

Aveva chiesto soldi per interrompere una gravidanza che non c'era, condannata e espulsa

La donna camerunense di 40 anni, amante di un dirigente di un'azienda, che si era fatta versare quasi 235'000 franchi per porre fine a una sua presunta gravidanza...
21.10.2021
Svizzera

Il "fondo di battaglia" di UNIA

La creazione e la gestione di un fondo di battaglia, termine ormai desueto, è di competenza degli organi dirigenti e dei delegati di UNIA, in quanto abbiano la ...
21.10.2021
Opinioni