Svizzera, 10 gennaio 2019

Fino a 6'000.- senza lavorare, ecco quanto riceve chi è in assistenza

In Svizzera tedesca sta infammiando il dibattito intorno all'assistenza, dopo che diversi cantoni hanno deciso, o stanno discutendo, di rivedere al ribasso gli importi destinati ai beneficiari dell'assistenza, misura che la la Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (COSAS) ha condannato sostenendo che la situazione attuale è già al limite e non vi sarebbero margini per ridurre gli importi destinati a chi è in assistenza. Dal canto loro, i partiti favorevoli a tali ribassi, in primis UDC e PLR, sostengono che chi è in assistenza riceve abbastanza e che ridurre gli importi servirebbe a spingere i beneficiari di prestazioni assistenziali a cercare lavoro.

Ma quanto riceve esattamente chi è in assistenza? I cantoni sono teoricamente indipendenti nel decidere quanto dare ma per calcolare gli importi si usa quale base le direttive del COSAS che non sono legalmente vincolanti ma a cui comunque la maggioranza dei cantoni si attiene, chi più e chi meno. La tabella sopra, pubblicata dal Blick, corrisponde alle direttive della COSAS e dà un'idea di quanto riceve una persona in assistenza. Come si può vedere si parte da un importo che parte dai 2'625.- per una persona sola, fino a 6'015.- per una famiglia con quattro figli. I dati esatti per cantone non sono, a nostra conoscenza, disponibili e non sappiamo quanto e se il canton Ticino si discosta dalle direttive della COSAS ma da notare che appena due giorni fa il direttore del dipartimento della sanità e socialità Paolo Beltraminelli si è vantato sui social network di aver rivisto al rialzo gli importi destinati a chi è in assistenza.

Per chi non masticasse il tedesco "Grundbedarf" significa necessità di base, "Miete" è l'affitto, KVG è la cassa malati, "situationsbedingte Leistungen" sono i costi situazionali. L'importo totale, calcolato in base al numero di persone, si trova in fondo alla tabella.

Guarda anche 

L’incubo di un indipendente: “Non voglio finire in assistenza”

A soffrire per l’emergenza coronavirus sono i cittadini costretti a rinunciare alle proprie abitudini più elementari. Ma sono anche e soprattutto le attivit&...
23.03.2020
Ticino

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine

Arriva l’ufficialità: annullati i nostri Mondiali di hockey!

ZURIGO – Lo si immaginava, lo si supponeva e si attendeva soltanto l’ufficialità che è arrivata in questi minuti: i Mondiali di hockey su ghiacc...
21.03.2020
Sport

Migliaia di svizzeri sono bloccati all'estero

Le vacanze e i soggiorni all'estero di migliaia di cittadini svizzeri si sono rapidamente trasformati in un incubo nelle scorse. Con le restrizioni al traffico aereo ...
19.03.2020
Svizzera