Svizzera, 17 dicembre 2018

Moschee in Svizzera, un musulmano denuncia una radicalizzazione insidiosa

È una testimonianza interessante quella che riporta oggi “Le Temps”, dove un tunisino, musulmano credente, residente a Losanna denuncia un clima di radicalizzazione nelle moschee in Svizzera. Questo gerontologo in pensione vive nella paura da cinque anni, dal giorno in cui, facendo le sue abluzioni alla moschea di Petit-Saconnex a Ginevra (nella foto), è un osservato speciale a causa dei suoi gesti "non conformi". Rispondendo che è così che viene fatto in Tunisia, viene poi trattato come una spia dagli altri frequentatori della moschea.

Da quel giorno, l'uomo ha seguito da vicino l'evoluzione della sua religione in Svizzera. Quello che viene praticato nel nostro paese sarebbe un “islam fuorviato, sotto l'influenza del wahhabismo” sostiene l'uomo che ha voluto rimanere anonimo e che ora prende le distanze da come viene praticata la sua religione in Svizzera. "L'Islam è parte di me, della mia vita, ma sta iniziando a diventare un corpo estraneo a me. Sta diventando un'arma contro noi musulmani".

L'uomo ha deciso di parlare, "perché amo questo paese e ho paura per i giovani". Ad esempio, racconta la disavventura vissuta mentre lavorava come capo dipartimento in un ospedale. Un infermiere musulmana si era rifiutato di servire il maiale ai pazienti. "Intollerabile", esclama. "Per sempre più musulmani svizzeri, tutto è proibito, tutto è nero e gli altri sono il diavolo".

"Le autorità svizzere devono prendere provvedimenti"

Il tunisino è preoccupato per l'estremismo che sta conquistando le moschee svizzere e da tempo ha deciso di non frequentarle più. Ma ascolta i sermoni registrati dai fedeli e non gli piace quello che sente e quello che gli viene riferito, "discorsi sempre in arabo, di un'altra epoca, ripugnanti per gran parte dei musulmani, che spingono verso una sorta di rassegnazione e chiusura intellettuale".

Per lui, gli effetti di questa radicalizzazione si faranno sentire fra pochi anni sulla società. E sottolinea cosa si aspetta dalla Svizzera: "Che le autorità svizzere prendano ogni precauzione per prevenire la diffusione dell'ideologia estremista e favorire il disgelo di questa glaciazione di pensiero".

Guarda anche 

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Non vuole portare il velo nè studiare il Corano, pestata e maltrattata dalla madre

Costretta a dormire per terra o lasciata a piedi nudi davanti a una finestra aperta, in inverno. Queste alcune delle violenze, psicologiche e fisiche, che un'ado...
21.02.2019
Mondo

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera