Opinioni, 28 novembre 2018

Philipp Plein, quanta panna montata: stesso interesse anche per i reali abusi?

Interrogazione dei deputati della Lega dei Ticinesi Maruska Ortelli, Massimiliano Robbiani e Felice Campana al Consiglio di Stato

I media negli scorsi giorni strafogavano di prese di posizione, commenti, azioni politiche in risposta alla campagna pubblicitaria dello stilista Philipp Plein. Al centro della contestazione è stato il contenuto delle immagini promosse dall’azienda di moda per pubblicizzare il “Black Friday”.

Premesso che una reazione umana di fronte a messaggi forti e di dubbio gusto è comprensibile, quanto è invece successo e continua a succedere ha sicuramente oltrepassato il limite dell’accettabile. Oltre alle esternazioni di alcuni politici al limite dell’isterismo, è prima stata lanciata una raccolta firme dal gruppo Donne Uss e dal Coordinamento Donne della sinistra per vietare l’affissione dei manifesti (mai apparsi sul suolo Cantonale), e poi presentata un’interrogazione al Governo che insinua un presunto
“incitamento al femminicidio”. Cosciente  che la campagna elettorale è iniziata, ma sembra si stia esagerando non poco.

Mai si è vista in questo Cantone una simile mobilitazione nella difesa dei diritti femminili; nemmeno di fronte agli innumerevoli abusi carnali successi recentemente nei centri d’asilo.

Ciò premesso, l’interrogante chiede al lodevole Consiglio di Stato quanto segue:

1. Il Consiglio di Stato ha evidenziato delle illegalità nella campagna pubblicitaria di Philipp Plein?
2. Qualora la casa di moda dovesse decidere di esporre dei manifesti simili ritiene il Consiglio di stato opportuno censurarli?
3. Quanti abusi sulle donne e sui bambini sono stati commessi negli ultimi anni? Quanti di questi da stranieri? Quanti da richiedenti d’asilo?

Guarda anche 

Docente criticata dagli allievi, il DECS sapeva almeno da un anno

Il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport era a conoscenza almeno da marzo 2017 di lamentele sull'operato della docente di tedesco delle scuole...
21.02.2019
Ticino

Pazzesco in Iran: oscurata partita in tv perché l’arbitro è donna!

TEHERAN (Iran) – Niente partita in tv, la televisione resta spenta, le immagini sono oscurate. Il motivo? L’arbitro è una donna. Può sembrare as...
18.02.2019
Sport

“Sentire le donne parlare di tattica nel calcio mi fa voltare lo stomaco”: è bufera

MILANO (Italia) – Il caso Icardi-Wanda Nara-Inter sta facendo parlare tutti, sta quasi monopolizzando le varie trasmissioni sportive italiane: da Sky, passando per ...
18.02.2019
Sport

Iniziativa leghista: "Per i candidati con doppio passaporto si richieda anche il casellario giudiziale estero!"

“Obbligo di presentazione del casellario giudiziale di altri paesi se si è in possesso di una seconda cittadinanza ” La Legge sull’esercizio d...
01.02.2019
Ticino