Ticino, 27 novembre 2018

Ordina merce senza mai pagarla, italiano truffa piccoli viticoltori ticinesi

Rileva una società senza mai far partire l'attività e a nome della ditta ordina merce per migliaia di franchi senza mai saldare le fatture. È quello che è successo a diversi viticoltori ticinesi negli scorsi mesi, vittime di un cittadino italiano, apparentemente residente a Mesocco, il quale, facendo leva sulla buonafede dei viticoltori, ha comandato vino per diverse migliaia di franchi senza mai pagare. I viticoltori hanno emesso fattura, per importi che vanno dalle centinaia di franchi alle poche migliaia di franchi, alla società del cittadino italiano. Ma le fatture non venivano mai saldate. Dopo vari richiami, alcuni di loro decidono di presentarsi alla sede della società a Stabio, solo per scoprire che all'indirizzo indicato non c'è nessuno. La ditta in questione è la classica società bucalettere.

L'uomo si presentava al telefono con un nome falso tipicamente ticinese e parlando in dialetto, verosimilmente per infondere fiducia nell'interlocutore e a ritirare la merce mandava una donna, non si sa se sua complice o se ignara di partecipare ad una truffa. Nel frattempo il cittadino italiano titolare della società inesistente si è reso irriperibile.

Il presidente dell'Associazione viticoltori vinificati Sacha Pelossi, contattato dal Mattinonline, conferma quanto accaduto e precisa che i viticoltori colpiti, fra i membri della sua associazione, sono almeno una dozzina, di cui almeno due hanno nel frattempo sporto denuncia. La merce sottratta ha un valore stimato tra i 20'000 e i 30'000 franchi. Pelossi fa inoltre notare come singoli casi di merce non pagata siano già accaduti in passato, ma è la prima volta che la sua associazione è confrontata con una truffa di queste dimensioni.

Guarda anche 

Controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino

  La Polizia cantonale e le polizie comunali comunicano che, in ottica di prevenzione della circolazione stradale, saranno effettuati controlli della velocit&...
17.08.2019
Ticino

Tre ticinesi su quattro sono CONTRO IL TRICICLO!

Proseguono i sondaggi pro-saccoccia! Swissstaffing, l’associazione di categoria delle agenzie interinali, ha commissionato un sondaggio al solito istituto gfs, spec...
12.08.2019
Ticino

LETTERA DEI LETTORI - Ironizzare sulla malattia? La lettera di un padre che ha perso un figlio per un cancro

Ho letto sul portale Tio.ch l’iniziativa di un padre ticinese 44enne che, colpito da un tumore al colon, ha deciso di “trasformare la malattia in una pagina f...
31.07.2019
Opinioni

Medico del traffico: siamo alla resa dei conti?

Medico del traffico: siamo alla resa dei conti? Ohibò, l’abominevole figura del medico del traffico comincia a ciurlare nel manico, dopo che il Tribunale amm...
30.07.2019
Ticino