Svizzera, 26 novembre 2018

Annunci di lavoro per frontalieri, il Consiglio federale dice di non saperne niente

“Una risposta che sfiora il ridicolo” così ha commentato la sezione ticinese dell'UDC la risposta del Consiglio federale ad una interrogazione del Consigliere nazionale Marco Chiesa in cui chiedeva al governo di contrastare il fenomeno degli annunci di lavoro discriminatori verso i residenti. Nella sua risposta il Consiglio federale sostiene di “non essere a conoscenza” della pratica descritta nell'interrogazione di Chiesa.

In mancanza di casi concreti, il Consiglio federale non può quindi "esprimersi su un comportamento siffatto né su eventuali misure da adottare". Nella sua risposta il governo ricorda che dal primo luglio è entrata in vigore la legge di attuazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, anche se non è chiaro il collegamento con la pratica evocata da Chiesa dal momento che residenti e frontalieri hanno ugual accesso alle misure introdotte da questa legge.

La risposta non è piaciuta per nulla all'UDC ticinese, secondo cui la reazione del Governo mostra "quanta ignoranza della situazione ticinese regni ancora a Palazzo federale e in particolare all’interno del Dipartimento dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), autorità competente per la valutazione di questo atto parlamentare".

"Affermare di 'non essere a conoscenza della pratica descritta nell'interrogazione'" scrive l'UDC ticinese "sfiora il ridicolo ed è irrispettosa nei confronti delle famiglie ticinesi che si vedono escluse dal proprio mercato del lavoro". L’UDC Ticino promette quindi di presentare nelle prossime settimane "dei casi concreti, che sembrano essere “sfuggiti”, affinché anche chi non vuole vedere sia costretto a rendersi conto della gravità di queste discriminazioni".

Guarda anche 

Quando gli stranieri guadagnano più degli svizzeri

La remunerazione dei lavoratori stranieri solleva in genere il timore di una pressione al ribasso. Ma in alcune attività dell'economia svizzera, gli stranieri ...
16.02.2019
Svizzera

L'immigrazione è aumentata nel 2018 (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa)

Nel 2018, oltre 140'000 persone sono immigrate in Svizzera, l'1,7% in più rispetto all'anno precedente. Questo nonostante l'entrata in vigore della...
15.02.2019
Svizzera

"Al Consiglio federale piace farsi prendere in giro dall’Italia? A noi no"

"Sconcerto, ma nessuna sorpresa". La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sulla risposta del Consiglio federale all'inte...
14.02.2019
Ticino

Confederazione contraria al blocco dei ristorni, Quadri: “il Ticino è stufo di pagare per tutti”

Con l'Italia è meglio il dialogo, non il confronto. No quindi a un eventuale blocco dei ristorni da parte del canton Ticino. È questa, in sostanza, la r...
14.02.2019
Svizzera