Mondo, 08 novembre 2018

Geert Wilders: "Dobbiamo avere il coraggio di difendere la libertà d'espressione dall'islam"

In una risposta alla decisione della Corte europea di condannare una donna austriaca a 480 euro di multa per aver definito il profeta islamico Maometto “un uomo dalle tendenze pedofile” (vedi articoli allegati) Geert Wilders ha promesso di difendere la libertà di espressione in un discorso pronunciato davanti al parlamento olandese e pubblicato su YouTube.

Secondo il leader del Partito per la libertà, il verdetto della Corte europea è folle. "Come si può essere condannati per aver detto la verità?".

Wilders, uno dei più famosi critici dell'Islam e che ormai da anni deve vivere sotto stretta protezione a causa delle continue e molteplici minacce da parte di musulmani nei suoi confronti, ha anche affermato che i musulmani in Europa si sentiranno ancora maggiormente legittimati a silenziare i critici della loro religione piuttosto che impegnarsi a rispettare uno dei valori cardine dell'occidente come la libertà d'espressione.

“Centinaia di turchi che frequentano le moschee in Olanda hanno già minacciato di rivolgersi ai giudici per ridurmi al silenzio o di rivolgersi a Twitter perchè mi cancellino dalla piattaforma. Questo è solo uno degli esempi della necessità malata dei musulmani di ridurre al silenzio i critici dell'Islam” ha detto Wilders nel suo discorso.



Wilders sostiene che la libertà di espressione è stata "buttata via" dalla corte e dai giudici. "Ma anche dai politici che hanno aperto i confini negli ultimi decenni, e anche ora, per milioni di musulmani" e "che fanno leggi per mettere a tacere i critici dell'Islam".

Il video del discorso, in olandese sottotitolato in inglese, è disponibile su YouTube cliccando qui.

Guarda anche 

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera

Un "sex tape" girato al museo musulmano finisce in tribunale

Un singolare caso di estorsione, ricatto e violazione della proprietà privata riguardante il Museo delle Civiltà Islamiche di Neuchâtel è st...
12.04.2022
Svizzera

Confermato il ritiro del passaporto svizzero a un estremista islamico residente in Ticino

Il Tribunale federale ha confermato il ritiro del passaporto svizzero a uomo con la doppia cittadinanza svizzera e turca per aver fatto propaganda al gruppo islamico al-N...
09.04.2022
Ticino

Ecco i vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2022”

I vincitori della quinta edizione del premio nazionale e internazionale “Swiss Stop Islamization Award”, ideato e organizzato dal movimento politico &ldquo...
22.03.2022
Svizzera