Mondo, 08 novembre 2018

Geert Wilders: "Dobbiamo avere il coraggio di difendere la libertà d'espressione dall'islam"

In una risposta alla decisione della Corte europea di condannare una donna austriaca a 480 euro di multa per aver definito il profeta islamico Maometto “un uomo dalle tendenze pedofile” (vedi articoli allegati) Geert Wilders ha promesso di difendere la libertà di espressione in un discorso pronunciato davanti al parlamento olandese e pubblicato su YouTube.

Secondo il leader del Partito per la libertà, il verdetto della Corte europea è folle. "Come si può essere condannati per aver detto la verità?".

Wilders, uno dei più famosi critici dell'Islam e che ormai da anni deve vivere sotto stretta protezione a causa delle continue e molteplici minacce da parte di musulmani nei suoi confronti, ha anche affermato che i musulmani in Europa si sentiranno ancora maggiormente legittimati a silenziare i critici della loro religione piuttosto che impegnarsi a rispettare uno dei valori cardine dell'occidente come la libertà d'espressione.

“Centinaia di turchi che frequentano le moschee in Olanda hanno già minacciato di rivolgersi ai giudici per ridurmi al silenzio o di rivolgersi a Twitter perchè mi cancellino dalla piattaforma. Questo è solo uno degli esempi della necessità malata dei musulmani di ridurre al silenzio i critici dell'Islam” ha detto Wilders nel suo discorso.



Wilders sostiene che la libertà di espressione è stata "buttata via" dalla corte e dai giudici. "Ma anche dai politici che hanno aperto i confini negli ultimi decenni, e anche ora, per milioni di musulmani" e "che fanno leggi per mettere a tacere i critici dell'Islam".

Il video del discorso, in olandese sottotitolato in inglese, è disponibile su YouTube cliccando qui.

Guarda anche 

Almeno 13 jihadisti hanno fatto ritorno in Svizzera dal Medio Oriente

Almeno 13 jihadisti hanno fatto ritorno in Svizzera dopo aver militato per lo Stato Islamico (ISIS), perlopiù in Siria o Iraq. Lo rivela il Ministero pubblico dell...
11.04.2019
Svizzera

I milioni del Qatar inondano i centri islamici in Svizzera (di cui uno a Lugano)

Emirato del Qatar finanzia diversi centri islamici in Svizzera, più precisamente a Prilly (canton Vaud), La Chaux-De-Fonds (NE), Bienne (BE) e a Lugano. È...
04.04.2019
Svizzera

Il Brunei introduce la lapidazione per adulteri e omosessuali (e il resto del mondo tace)

Il Brunei è un piccolo Stato situato all’interno dell’isola di Borneo, quasi interamente confinante con la Malesia. Con poco più di 400'000 ...
29.03.2019
Mondo

La Basilica di Santa Sofia a Istanbul potrebbe presto essere trasformata in una moschea

L'iconica Basilica di Santa Sofia di Istanbul, originariamente una chiesa cristiana bizantina, potrebbe essere nuovamente trasformata in una moschea - cancellando l&#...
25.03.2019
Mondo