Mondo, 05 novembre 2018

Dopo i salari in Gran Bretagna vola anche il PIL, "nonostante" il Brexit

La crescita del Pil in Gran Bretagna sarà più alta del previsto grazie alla ripresa sincronizzata delle economie mondiali e alla debolezza della sterlina, secondo il nuovo rapporto del National Institute of Economic and Social Research (Niesr) ripreso dal portale italiano ilsole24ore. La crescita del PIL per il 2018 è prevista intorno al 2%, in rialzo dalle precedenti previsioni che davano l'economia britannica in crescita del 1,2%.

Il Niesr continua ciònonostante a ritenere il Brexit un fattore negativo per l'economia britannica. Il risultato eccezionale dell'economia britannica sarebbe invece da attribuire alla "fortuna" dovuta alla contemporanea crescita dell'economia mondiale, la quale dovrebbe crescere del 4%.

Vi è incertezza invece sul futuro, che dipenderebbe in larga parte dall'accordo con l'Unione europea. In caso di mantenimento dell'accesso al mercato europeo il Niesr prevede una crescita simile a quella attuale del 2% mentre senza accordo con l'UE si prevede un catastrofico -6%.

“Le nostre previsioni sono basate su una soft Brexit, che prevede che la Gran Bretagna mantenga un accesso ai mercati Ue simile a quello attuale" afferma un analista del Niesr
"se invece i negoziati falliranno e la Gran Bretagna uscirà dalla Ue senza un accordo, finendo tra le braccia dell'Organizzazione mondiale del commercio, la previsione del Niesr è di un calo del Pil del 6%".

Dopo i salari (vedi articoli allegati) quindi anche il PIL della Gran Bretagna prende il volo, nonostante le previsioni di esperti e istituti vari che prevedevano (e in buona parte continuano a prevedere) scenari catastrofici nel caso che il Regno Unito decida di lasciare l'Unione europea. Scenari che per ora non solo non si sono presentati ma che sono praticamente l'opposto di quanto successo in realtà. In attesa comunque che la Brexit vera e propria si materializzi il 19 marzo prossimo come previsto dall'articolo 50 dei trattati europei che la premier britannica inglese aveva invocato la stessa data dell'anno scorso.

Guarda anche 

"Vedere la prima testa mozzata non mi ha affato colpita", jihadista "britannica" non si pente di essersi unita all'ISIS (ma vuole comunque tornare)

Shamima Begum (nella foto), partita nel 2015 dal Regno Unito per unirsi al gruppo jihadista ISIS in Siria, ha detto che vuole tornare nel Regno Unito nonostante la sua ma...
15.02.2019
Mondo

In Gran Bretagna scuola islamica "dove le ragazze non possono mangiare finchè i maschi non finiscono il loro pasto" (e il governo non interviene)

La scuola Al-Hijrah a Birmingham sta ancora separando ragazzi e ragazze nonostante una sentenza della Corte d'Appello nel 2017 che ha rilevato che la pratica era ille...
07.02.2019
Mondo

Per il presidente del Consiglio europeo i promotori del Brexit andranno all’inferno

Parlando con i giornalisti dopo un incontro con il primo ministro irlandese Leo Varadkar a Bruxelles, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk (nella foto) ha...
07.02.2019
Mondo

Nel Regno Unito è boom di adolescenti che cambiano sesso, in media uno ogni giorno

Il Regno Unito sta conoscendo un aumento vertiginoso di giovanissimi che si identificano come appartenenti al sesso opposto – i cosidetti transgender - con in media...
04.02.2019
Mondo