Mondo, 19 agosto 2018

Brexit: con il calo della manodopera, le aziende britanniche costrette a aumentare i salari

Secondo un'indagine effettuata su 2000 datori di lavoro e svelata dal giornale britannico Guardian, le aziende britanniche incontrano notevoli difficoltà di reclutamento: Da quando è stata annunciata l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea, i cittadini europei che tentano la fortuna attraversando il canale della manica sono sempre meno.

Nel 2017, l'immigrazione netta di cittadini dell'UE nel Regno Unito è scesa a 101 mila, il livello più basso dal 2013. Di conseguenza, il numero di candidati per posto vacante, sia per un lavoro qualificato o no, è in calo dalla scorsa estate. Secondo il CIPD (Certified Institute of Personnel and Development), il numero di candidati è sceso da 24 a 20 per un lavoro di basso livello, da 19 a 10 per un lavoro di media specializzazione e da 8 a 6 per un lavoro altamente qualificato.


Di fronte alla contrazione di offerta di manodopera, metà delle aziende che hanno problemi di reclutamento hanno riferito di aver aumentato i salari delle assunzioni "In questo panorama dove ci sono pochi candidati, i datori di lavoro non devono solo offrire un salario attraente, ma anche vantaggi aggiuntivi ", afferma Alex Fleming, un recruiter corrente nell'ambiente di oggi, benefici come l'assistenza sanitaria, una pensione solida, lavoro flessibile, una cultura del lavoro collaborativa danno ai datori di lavoro un vantaggio competitivo significativo nell'attrarre dipendenti. migliori talenti ".

Da parte sua, Londra cerca di rassicurare gli europei che sono riluttanti ad attraversare la Manica per trovare lavoro e quelli che hanno già un lavoro: "I cittadini europei danno un enorme contributo" (e) "abbiamo chiaramente indicato dall'inizio di questo processo (Brexit, ndr) che vogliamo che questi cittadini e le loro famiglie rimangano ", ha detto un portavoce del governo britannico.

Quest'ultimo ha anche assicurato che "dopo aver lasciato l'UE, il Regno Unito continuerà ad essere il paese aperto che è sempre stato". E per concludere: "Metteremo in atto un sistema di immigrazione che controlli chi arriva nel Regno Unito e che accoglierà i più brillanti e migliori che vogliono lavorare sodo".

Guarda anche 

Settimana decisiva per la Brexit, Regno Unito finalmente fuori dall'UE?

Questa settimana si potrebbe concludere un accordo per un divorzio amichevole tra l'UE e il Regno Unito, ha dichiarato lunedì il vice primo ministro irlandese ...
14.10.2019
Mondo

La Turchia tiene in scacco l'Europa

“Se tentate di presentare la nostra operazione come un’invasione, apriremo le porte e vi invieremo 3,6 milioni di migranti”. Questo è lo squ...
14.10.2019
Mondo

La minaccia di Erdogan all'Europa: "Pronti milioni di migranti"

Per adesso le attenzioni sono tutte concentrate lungo il fronte siriano, ma la Turchia in questi mesi si sta giocando la sua principale partita nell’altro vers...
11.10.2019
Mondo

L'UE toglie la Svizzera dalla lista grigia dei paradisi fiscali

Presente da lungo tempo sulla lista grigia dei paradisi fiscali, la Svizzera è stata rimossa dall'Unione Europea. Bruxelles ha ritenuto che la Svizzera dispone...
10.10.2019
Svizzera