Mondo, 29 ottobre 2018

Picchia la moglie perchè convertita al cristianesimo

Avrebbe picchiato la moglie fino ad aprile dell'anno scorso (quando si era già stabilita con un conoscente), perchè si era convertita al cristianesimo e, secondo lui, si comportava con atteggiamenti troppo liberali e indipendenti. Lo riferisce il Corriere di Bologna.

La polizia italiana ha aperto un'inchiesta contro un marocchino di 43 anni residente a Soliera, in provincia di Modena, per il quale si presume il reato di violenza domestica. L'uomo, con una condotta violenta ripetuta nel tempo, avrebbe causato alla donnaonna sofferenze fisiche e psicologiche.
A gennaio, in seguito a una richiesta di acquisto di un paio di scarpe nuove da suo figlio durante una lite, il 43enne presumibilmente lo colpì con un pugno sulla schiena e si gettò quindi contro il bambino. minore che era intervenuto per la difesa della madre, colpendolo con uno schiaffo in faccia.

La donna, dopo quest'ultimo episodio, si era trasferita da un conoscente il quale a sua volta è stato oggetto di minacce da parte del 43enne, minacciandolo anche di morte. La madre e il figlio sono quindi stati trasferiti in una struttura protetta.

Guarda anche 

La RSI accusata di fare “sensazionalismo anti-scientifico” in un documentario su Napoli

Non è piaciuto oltreconfine un documentario trasmesso a inizio aprile dalla RSI in cui si mostra Napoli sepolta sotto 30 centimetri di cenere dopo un'eruzione ...
19.04.2024
Ticino

La monetina premia l’Italia: Facchetti, ma che fortuna!

LUGANO - Siamo agli Europei del 1968, un anno di contestazioni. La piazza diventa la casa di tutti: studenti, operai, gente incazzata con il sistema. Sventolano band...
19.04.2024
Sport

Costrette a togliere il velo dopo l’arresto, musulmane risarcite

La città di New York ha accettato di pagare 17,5 milioni di dollari per risolvere una causa intentata da due donne musulmane che sostenevano che la polizia aveva v...
09.04.2024
Mondo

Premiati i tre vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2024”

Anche nel 2024, per il settimo anno consecutivo, il movimento politico “Il Guastafeste” ha organizzato lo “Swiss Stop Islamization Award”, ossia i...
17.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto