Mondo, 18 ottobre 2018

Gli USA di Trump spodestano la Svizzera nella classifica dei paesi più competitivi

Gli Stati Uniti sono il paese più competitivo e più innovativo del mondo, ha rivelato mercoledì una classifica compilata dal World Economic Forum (WEF) e pubblicata sul sito del giornale francese "Le Figaro". Dopo un cambiamento di metodologia, che ha relegato la Svizzera dal primo al 4 ° posto, per l'edizione 2018 della sua relazione sulla competitività globale, il WEF, che riunisce ogni anno nel mese di gennaio l'élite economica e politica nell'esclusiva località sciistica di Davos, ha usato "tutta una nuova metodologia per comprendere le dinamiche dell'economia globale in questi tempi della quarta rivoluzione industriale. L'organizzazione ha misurato la competitività di 140 economie attraverso 98 indicatori suddivisi in 12 pilastri, tra cui istituzioni, infrastrutture, stabilità macroeconomica e capacità di innovazione.

"Tenuto conto di tutti questi fattori combinati, gli Stati Uniti hanno ottenuto le migliori prestazioni complessive con un punteggio di 85,6 (su 100), davanti a Singapore e Germania", ha dichiarato il WEF in una nota. Gli Stati Uniti "sono un centro di innovazione", ha detto all'agenzia Afp Saadia Zahidi, membro del comitato esecutivo del WEF. "Stanno andando bene nel loro mercato del lavoro, stanno facendo bene in termini di dimensioni del loro mercato e piuttosto bene in termini di istituzioni", ha aggiunto. La più grande economia del mondo è anche una "locomotiva dell'innovazione".

Ma il rapporto denuncia anche un "indebolimento del tessuto sociale e un deterioramento del contesto di sicurezza". Gli Stati Uniti sono al 56 ° posto con un tasso di omicidi 5 volte superiore al tasso medio delle economie avanzate. Il WEF evidenzia anche il basso punteggio di salute con un'aspettativa di vita sana di 67,7 anni (46 ° posto), tre anni in meno rispetto alla media delle economie avanzate e sei anni in meno rispetto a Singapore e Giappone.

La Svizzera, che era al primo posto da 9 anni, ha ottenuto un totale di 82,6 punti, secondo la nuova metodologia, e si è classificata al quarto posto. I suoi punti di forza sono il mercato del lavoro e la formazione, dove arriva al secondo posto, e ottimi punteggi li registra anche nella capacità di innovazione (terzo posto), sistema finanziario (quarto posto) e le infrastrutture (terzo posto). Viene penalizzata invece da un mercato relativamente piccolo e da una stabilità macroeconomica ritenuta bassa.

In Asia, Hong Kong è in settima posizione (82,3 punti), in Corea del Sud 15 ° (78,8 punti) e in Cina 28 ° (72,6 punti). Nell'Unione europea, dopo la Germania il paese ritenuto più competitivo è la Svezia (9 °, 81,7 punti).

Il punteggio medio nel mondo è 60, o 40 punti di ciò che il WEF definisce "la situazione ideale o la frontiera della competitività". Gli ultimi 30 posti sono quasi esclusivamente occupati dai paesi africani, anche se Haiti e Yemen stanno scivolando davanti al Ciad, ultimo con un punteggio di 35.5.

Da notare infine che vi è anche un aspetto che i critici non hanno mancato di rimarcare, ossia che il debito pubblico con questa nuova metodologia viene tenuto conto in modo poco chiaro. Gli USA infatti continuano ad avere uno dei debiti pubblici pro capite più alti del mondo, cosa che negli anni passati è valsa loro un punteggio peggiore, eppure quest'anno il WEF, benchè il debito USA sia rimasto pressochè invariato, valuta il debito USA con un punteggio quasi perfetto di 99,2 su 100. Il che ha portato alcuni ad accusare il WEF di avere stilato una classifica favorevole a Trump in modo che quest'ultimo, spesso critico verso le istituzioni internazionali, continui a vedere di buon occhio l'organizzazione basata a Davos.

Guarda anche 

Trump si congratula con la Svizzera in occasione della Festa nazionale

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha presentato sabato le sue congratulazioni alla presidente Simonetta Sommaruga e al popolo svizzero in occasione della festa...
02.08.2020
Svizzera

Tensioni USA-Cina, chiuso il consolato cinese a Houston

Gli Stati Uniti hanno ordinato la chiusura del consolato cinese a Houston "per proteggere la proprietà intellettuale americana", ha detto mercoledì...
23.07.2020
Mondo

Tra rinvii, U21 e COVID-19: il calcio svizzero e le sue contraddizioni

LUGANO – Ripartire o non ripartire col calcio giocato. Era questo uno dei tanti interrogativi che nel nostro Paese in molti si ponevano in piena pandemia coronaviru...
16.07.2020
Sport

A ONG attive in Africa la Svizzera versa "salari principeschi", secondo un documento del DFAE

Stipendi "principeschi" pagati a dirigenti di ONG dalla Confederazione. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) avrebbe versato "salari prin...
15.07.2020
Svizzera