Ticino, 23 settembre 2018

La scuola che NON verrà

Malgrado la massiccia propaganda di regime, la mobilitazione delle truppe cammellate, la stampa schierata, il clima alla "No Billag", ... la maggior parte dei ticinesi ha respinto la riforma ideologica "la scuola che verrà". Se il comitato referendario di quattro gatti l’ha spuntata, vuol dire che gli argomenti dei contrari alla riforma non erano, come arrogantemente dichiarato dal capo dipartimento, “bufale e disfattismo”.
I ticinesi hanno detto NO ad una scuola non svizzera, NO al livellamento verso il basso, NO a modelli stranieri fallimentari, NO ad un costosissimo piano occupazionale per docenti frontalieri, NO all’ugualitarismo spinto, NO ad una sperimentazione che non sarebbe stata affatto tale bensì l’inizio della riforma.

Dire NO a questa riforma sbagliata non significa dire no a qualsiasi riforma. Dichiarare che dopo il voto di oggi la scuola ticinese è destinata a rimanere nei secoli così com’è oggi, suona come una ripicca all’indirizzo del popolazzo che ha osato votare “sbagliato”. Della serie: o votate come dico io, oppure siete delle capre, e quindi... cavoli vostri! Tipico atteggiamento della gauche-caviar. Manca solo di sentire che "bisogna rifare la votazione"...

Ovviamente le nuove proposte dovranno tenere conto del responso odierno! Quindi, se per caso il compagno capodipartimento ed i suoi burocrati hanno in mente di far rientrare dalla finestra, magari con la tattica del salame, quello che è uscito dalla porta, faranno bene a levarselo subito dalla testa.

Lorenzo Quadri

Guarda anche 

Test gratuiti per chi attende la seconda dose di vaccino? Parte la consultazione

Le persone che hanno già ricevuto la prima dose di vaccino devono potersi sottoporre gratuitamente ai test necessari per il rilascio del certificato COVID fino all...
24.09.2021
Svizzera

Una spinta per le PMI ticinesi: 500mila franchi in promozione, è la nuova iniziativa del consulente Berisa

Mezzo milione di franchi per promuovere le aziende ticinesi, soprattutto quelle piccole, quelle che non sempre possono permettersi autonomamente di promuoversi. Il Covid ...
23.09.2021
Ticino

Vaccinazione itinerante e senza appuntamento per i giovanissimi, ecco dove

La campagna di vaccinazione contro il coronavirus in Ticino prosegue e prevede – sabato 2 e domenica 3 ottobre, dalle 8 alle 12 e dalle 13 alle 17 – un fine s...
24.09.2021
Ticino

Fa tutto il GC, ma la beffa è bianconera

LUGANO – C’era molta attesa, inutile negarlo, per la prima partita del Lugano targato Mattia Croci-Torti. Il Crus, dopo 2 match vissuti da allenatore ad inter...
24.09.2021
Sport