Mondo, 30 agosto 2018

Una madre tedesca indignata perchè all'asilo del figlio solo due bambini parlano tedesco

schermata facebook
In un video diventato virale in Germania, una giovane madre esprime la sua indignazione: nella scuola materna di suo figlio, solo 2 bambini su 25 parlano tedesco.
Non meno di due milioni di persone hanno guardato il grido di rabbia di Leen Kroetsch sulla sua pagina di Facebook. Questa madre tedesca è indignata che nella classe dell'asilo del figlio di tre anni solo due bambini parlano tedesco.

Leen Kroetsch (nella foto), residente nella città di Essen nello stato del Nord Reno-Westfalia, si riprende davanti alla telecamera e si rammarica che il suo giovane figlio non possa socializzare con altri bambini. La giovane madre critica inoltre i politici tedeschi e denuncia una "politica migratoria fallita": "Mio figlio deve adattarsi agli altri bambini. Non è integrazione, cari politici, l'integrazione è un pò diversa ".

Leen Kroetsch è furibonda perché avrebbe avuto non poche difficoltà per portare suo figlio all'asilo, e sostiene che i genitori di "Muhammad o Ali" non avrebbero avuto la stessa fatica. "Ho paura per il futuro di mio figlio e non so cosa aspettarmi. Mio figlio e io ci sentiamo estranei qui. Era questo che volevate?", Si lamenta, temendo di essere considerata a lungo termine come una cittadina di seconda classe, dove" i bambini sarebbero islamizzati ".

Intervistata dal quotidiano tedesco Westdeutsche Allgemeine Zeitung, la direttrice della scuola materna, Petra Struck, ci tiene a moderare i propositi di Leen Kroetsch. Secondo lei, anche se solo 2 bambini su 25 erano sono cittadini tedeschi, l'unica lingua il comune era il tedesco, in quanto le origini molto diverse dei bambini impedivano loro, secondo la scuola, di condividerne un altra.

La direttrice spiega anche che questa classe è stata creata con urgenza, su richiesta della città, per cercare di risolvere in qualche modo la mancanza di posti nelle altre scuole materne. In un contesto di flussi migratori e questioni più generali di politica familiare fino alle sfide demografiche del paese, il capo dicastero delle opere sociali della città di Essen, citato dalla Westdeutsche Allgemeine Zeitung, tuttavia, nega che qualsiasi preferenza sarebbe stata data agli immigrati.

Guarda anche 

Musulmana radicalizzata, potrà essere espulsa dalla Svizzera anche se ha il passaporto francese

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una giovane donna musulmana in possesso del passaporto francese espulsa dalla Svizzera nella primavera del ...
19.04.2019
Svizzera

Uccise un portoghese per un portatile, 3,5 anni di carcere e espulsione. Il complice potrebbe scamparla per aver assunto farmaci

Il tribunale penale di Basilea-Città ha condannato giovedì un cittadino spagnolo a 3,5 anni di carcere commutato in misura stazionaria per aver partecipato ...
18.04.2019
Svizzera

In una scuola elementare di Berlino, su 320 alunni solo uno è tedesco. I corsi vengono impartiti in turco

Nella scuola elementare “Jens-Nydahl-Grundschule” di Berlino su 320 alunni, solo uno è tedesco e parla il tedesco come madrelingua. Inoltre, la padrona...
15.04.2019
Mondo

Risse, accoltellamenti e poliziotti picchiati: Sabato notte agitato a Basilea

Quella tra sabato e domenica è stata una notte piuttosto agitata a Basilea: una rissa in un locale, descritto dal "baslerzeitung come un "club turco"...
15.04.2019
Svizzera