Sport, 30 giugno 2018

Svezia-Svizzera: parlano i numeri e le statistiche

Nel girone di qualificazione le due squadre hanno segnato entrambe 5 reti: i rossocrociati nelle sole 10 volte che hanno trovato la porta, gli scandinavi ci sono riusciti 15 volte, ma loro sono più precisi…

TOGLIATTI (Russia) – Oggi pomeriggio il Mondiale entra definitivamente nella sua fase calda, quella fase che deciderà tutto: oggi scattano gli ottavi di finale. Ora ogni errore conta, ogni dettaglio può fare la differenza sulla strada che porta dritta dritta a Mosca. E i dettagli saranno determinanti anche nel nostro ottavo di finale, quello che martedì ci metterà di fronte alla Svezia.

I numeri, le statistiche non possono dire tutto, ma possono dare qualche indicazione sui valori visti in campo fino ad ora. Proviamo ad analizzarne qualcuno.

Reti: Svezia e Svizzera si presentano al loro ottavo di finale col medesimo numero di reti: 5. È vero che gli scandinavi possono contare su 2 rigori e su un’autorete… quindi, numeri alla mano, dovremmo essere superiori a loro sotto questo punto di vista.

Tiri e percentuali: La nostra Nazionale nelle prime 3 partite disputate ha calciato verso il portiere avversario in 38 occasioni, contro le 36 degli svedesi. Un numero comunque interessante e degno di nota, anche se la mira non è stata delle migliori: lo specchio della porta lo abbiamo centrato soltanto 10 volte (26%), contro le 15 dei nostri futuri avversari (45%).

Tenuta difensiva: 4 le reti incassate dalla nostra difesa – che dovrà fare a meno di Schär e Lichtsteiner – 2 quelle dei rocciosi svedesi che, anche nei playoff disputati contro l’Italia, avevano già mostrato di poter contare su un reparto arretrato ben performante. Le uniche due reti – inoltre – sono state incamerate contro la Germania.

Svedesi fallosi ma puliti: I ragazzi di Andersson non guardano in faccia a nessuno, riescono a essere ruvidi ma nel contempo disciplinati. Così si spiegano i 44 falli commessi (contro i 40 nostri), che hanno portato a 5 ammonizioni (7 quelle elvetiche): ci possiamo quindi attendere una sfida fisica, determinata e coriacea, ma nello stesso tempo non cattiva.

Corsa e qualità: possiamo sorridere. La Svizzera l’ha mostrato in tutte e tre le partite disputate fino ad ora, uscendo sempre nel secondo tempo: fisicamente stiamo bene e i 324km percorsi in totale come squadra sono lì a dimostrarlo. I nostri prossimi avversari ne hanno coperti 314, ma con la metà dei nostri passaggi: Xhaka e compagni hanno spesso dimostrato un gioco arioso e nel contempo anche verticale, mettendo assieme 1579 passaggi (86% di precisione), contro gli 842 degli svedesi (78%).

Numeri e statistiche che magari possono dire poco, ma che possono confermare ciò che abbiamo sempre pensato: la Svizzera è una squadra che può contare su qualità tecniche e atletiche importanti, ma che potrebbe pagare duramente la vigoria e la fisicità molto accentuata dei “vichinghi” svedesi. Inoltre ci manca un vero e proprio terminale offensivo, mentre gli scandinavi possono sempre contare su Berg e Toivonen che qualche gol ogni tanto lo firmano…

Guarda anche 

Il Lugano non vince più: col Lucerna arriva un punticino

LUGANO – Dopo la buona prestazione offerta a Copenaghen, che ha ridato morale alla squadra ma non ha permesso al Lugano di interrompere l’infinita striscia di...
22.09.2019
Sport

Mattia Croci-Torti e il calcio: "Walter Pellegrini il ticinese migliore"

LUGANO - Mattia Croci Torti è uno dei personaggi più simpatici e umani dell’ingessato panorama sportivo ticinese. Semplice, modesto, sempre pront...
22.09.2019
Sport

Finalmente anche le donne allo stadio… ma solo per la Nazionale!

TEHERAN (Iran) – Dopo le tante supposizioni, finalmente è arrivata l’ufficialità. Un’ufficialità minima ma importante che abbatte u...
20.09.2019
Sport

Situazione delle acque sostanzialmente confortante

Si sarebbe dovuto intitolare così almeno uno degli articoli pubblicati dopo la diffusione del recente rapporto sull’analisi dell’acqua redatto dal Labo...
20.09.2019
Ticino