Ticino, 13 giugno 2018

Il governo non bloccherà i ristorni all'Italia

È stata bocciata la proposta del ministro Claudio Zali di vincolare parte dei ristorni dei frontalieri destinati all'Italia.

Manca ancora la comunicazione ufficiale ma, stando alla RSI, il governo ticinese non bloccherà parte dei ristorni destinati all'Italia. È stata quindi bocciata la proposta del ministro leghista Claudio Zali di vincolare parte, si parlava del 25% del totale, della somma in cambio, da parte italiana, della costruzione di opere di interesse transfrontaliero, che sarebbe l'utilizzo previsto dagli accordi ma a cui i comuni italiani beneficiari si sono
sempre sottratti. Il Consiglio di Stato, a maggioranza, ha quindi deciso di continuare a versare senza condizioni la totalità dei ristorni. Anche se manca l'ufficialità il governo ticinese intenderebbe realizzare una "road map" con le regioni italiane confinanti, Lombardia e Piemonte, e decidere insieme le priorità e le opere di interesse transfrontaliero. Le regioni interessate si sarebbero già mostrate disponibili. Infine, verrà ribadita a Berna l'urgenza di intavolare tali trattative e si chiederà l'intervento del ministro degli esteri Ignazio Cassis.

Guarda anche 

Maruska Ortelli - Essere leghista, uno stato d'animo

Prima di tutto, e soprattutto: un “grazie” di cuore a tutti i ticinesi che mi hanno sostenuto e che mi hanno votato alle Cantonali di due domeniche or sono. &...
23.04.2019
Opinioni

Sgravi fiscali al ceto medio ed ai “single”: basta scuse!

Accipicchia, che è un tesoretto! Anzi, un tesorone! Come sappiamo da settimana scorsa, il consuntivo questo sfigatissimo Cantone chiuderà con ben 137.2 mili...
15.04.2019
Ticino

Lugano Region: Per golosi e sportivi, un Ticino tutto da scoprire!

Si è svolta questa mattina, presso il Ristorante Orologio, la Conferenza Stampa di Lugano Region relativa alle tematiche principali dell’offerta turistica...
10.04.2019
Publireportage

7'554 franchi per difendere un ladro di scarpe

Ha vinto l’avvocato. È il men che si possa dire leggendo la sentenza emessa oggi dalla Corte delle assise correzionali nei confronti di un cittadino georgian...
10.04.2019
Ticino