Ticino, 14 novembre 2018

Disoccupazione ai frontalieri? La LEGA inoltra un'iniziativa parlamentare

Il capogruppo Daniele Caverzasio, a nome del gruppo in Gran Consiglio della Lega dei Ticinesi, ha inoltrato un'iniziativa parlamentare per chiedere al Consiglio Federale di non accettare le nuove normative UE che obbligherebbero la Svizzera a pagare la disoccupazione ai frontalieri.

"Il 21 giugno 2018, i ministri degli affari sociali dell`UE hanno deciso di modificare le norme che disciplinano il pagamento delle indennità di disoccupazione ai lavoratori frontalieri. Le nuove regole devono ancora essere presentate al Parlamento europeo per l`approvazione, ma questa dovrebbe essere una mera formalità.

Secondo il sistema attuale, i lavoratori frontalieri devono far valere il diritto alle prestazioni di disoccupazione nel loro paese di residenza. Tuttavia, poiché i lavoratori frontalieri versano i contributi alla disoccupazione svizzera per tutta la durata del loro impiego nel nostro paese, la Svizzera paga un risarcimento allo Stato di residenza dei lavoratori frontalieri per un massimo di cinque mesi. I pendolari transfrontalieri ricevono l'indennità di disoccupazione dal loro stato di residenza secondo i loro metodi di pagamento.

Nel 2015, questi pagamenti agli stati membri dell'UE ammontavano a poco meno di 200 milioni di franchi (risposta del Consiglio Federale 16.3450). La Svizzera ha attuato volontariamente questi regimi di coordinamento dell'UE.
Ora l'UE sta progettando un cambio di paradigma: in futuro, i lavoratori frontalieri devono far valere le proprie pretese nell'ultimo paese di occupazione. Ciò significa che devono essere pagati dal paese di occupazione, anche se vivono in un paese il cui costo della vita è molto più basso.

Circa 320.000 lavoratori frontalieri lavorano in Svizzera. Se venissero adottati anche i nuovi regolamenti nel nostro paese, la spesa della confederazione e le casse di disoccupazione verrebbero caricate di ingenti oneri. La SECO prevede un aumento del costo di diverse centinaia di milioni di franchi svizzeri.

Il Consiglio Federale afferma che la Svizzera non è obbligata ad adottare questa nuova legge UE. Per questo motivo, il Consiglio federale è chiamato a comunicare chiaramente in seno al comitato misto con l'UE che la Svizzera non accetterà tali cambiamenti.
Il gruppo della Lega dei Ticinesi propone quindi:

    1. Il Canton Ticino chiede alla Confederazione attraverso un’iniziativa cantonale secondo l’art. 160 cpv 1 della Costituzione Svizzera, di rinunciare alla ripresa e applicazione delle normative comunitarie UE sul sostegno ai lavoratori transfrontalieri disoccupati in Svizzera."

Guarda anche 

Frontalieri licenziati per insulti alla polizia, in Italia c'è chi grida alla discriminazione

Hanno fatto discutere anche oltre confine i casi dei due frontalieri che, dopo esser stati multati dalla polizia ticinese, si sono affidati ai social per sfogare la loro ...
17.12.2018
Ticino

Preferenza indigena... per frontalieri, esplode il numero di lavoratori residenti all'estero iscritti agli uffici di collocamento

La legge che dovrebbe mettere in pratica la preferenza indigena votata accolta dal popolo svizzero il 9 febbraio 2014 è entrata in vigore in Svizzera il 1 ° lu...
17.12.2018
Svizzera

Lukas Bernasconi - Sindacalisti: ecco perchè non difendono i lavoratori residenti

Il ricorso presentato da Ghisletta & Co contro l’art. 15 del nuovo ROD conferma in modo chiaro come il partito socialista se ne infischi dei lavoratori resident...
17.12.2018
Opinioni

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottopos...
17.12.2018
Svizzera