Sport, 21 maggio 2024

“Già ai miei tempi allo stadio ci andavano pochi tifosi”

L’ex fantasista bianconero Willy Gorter parla del Lugano di ieri e di oggi

LUGANO - Willy Gorter (classe 1963) vive in Spagna da alcuni anni: una sorta di buen retiro dopo il periodo vissuto sulle rive del Lago di Lugano (versante italiano). Oggi si occupa di promozione immobiliare anche se si mantiene sempre informato su tutto quanto avviene nel mondo che un tempo lo vide protagonista. Dopo aver giocato in Olanda, Svizzera, Francia, Belgio e Stati Uniti, e dopo aver allenato nella sezione giovanile bianconera, l’ex fantasista olandese ha funto da intermediario nella vendita di calciatori, senza per altro appassionarsi troppo. Sicché alla soglia dei 60 anni ha deciso che era ora di trovare nuovi stimoli professionali e quindi ha rotto col passato. A Manilva (a circa 80 km da Malaga) ha scoperto una nuova vita. “Sto bene, sono tranquillo, il calcio proprio non mi manca. Adesso vendo immobili”. Lui che a Lugano ha lasciato il segno: a distanza di quasi 40 anni dal suo approdo sulle rive del Ceresio, i tifosi più in là con gli anni lo ricordano sempre con affetto. 



Centrocampista elegante e offensivo, è stato il trascinatore della squadra che nel 1988, sotto la guida di Marc Duvillard, ottenne la promozione in Lega nazionale A. “Che squadra, quella! – ci dice Gorter al telefono – Vinceva e divertiva. Peccato che allo stadio ci andava poca gente”. Unico tasto dolente, insomma, di stagioni comunque memorabili vissute a mille all’ora. “Se non sbaglio anche oggi a Cornaredo non ci sono troppi spettatori. Eppure il Lugano sta facendo bene...”, chiosa l’olandese, che nella primavera del 1990 aspirava ad una convocazione per i Mondiali italiani. “Ma come potevo sperare di entrare in un rosa dove c'erano elementi quali Gullit o Rijkaard? Eppure per un po' di tempo ci credetti: il commissario tecnico di allora Leo Beenhakker mi tenne in considerazione sino all’ultimo taglio: dei 30 papabili ne lasciò a casa due. Il sottoscritto ed un altro di cui non ricordo il nome”.


Willy: da dove cominciamo?
Dal Lugano. Che tempi! Memorabili. Una squadra con tre stranieri di buon livello, alcuni giocatori svizzeri di talento e soprattutto tanti giovani locali: Penzavalli, Colombo, Morf, Pelosi… Con una spina dorsale cosi non si poteva che far bene.


Ma ciò non bastava per attirare gente allo stadio.
Vero. Ma quello del pubblico è un fenomeno datato. Lugano è sempre stata una città snob, con un pubblico che non ha mai veramente apprezzato quanto faceva la società. Forse si pretendeva la luna. Eppure negli anni passarono grandi campioni. Ne cito uno: Mauro Galvao. Un nazionale brasiliano… Solo al suo esordio, contro il San Gallo se non sbaglio, ci furono tanti spettatori. Poi si dileguarono.


Si sente ancora con qualcuno dei suoi ex compagni?
Sono ancora legato a Mec Penzavalli. Con gli altri ho dei contatti. Ci si incontra quando vengo in Ticino. Nel 2022 li ho visti alla finale di Coppa contro il San Gallo. È stata una bella rimpatriata. Segno che in passato abbiamo condiviso dei bei momenti e che al di là di qualche discussione è rimasta la stima e l’amicizia.


Veniamo al presente: il Lugano va a gonfie vele.
Lo seguo sempre. E sono naturalmente felice divederlo battersi contro le migliori squadre della
Svizzera. Ma consiglio a tutti prudenza: è vero, è in finale di Coppa e lotta per il titolo. Però bisogna stare con i piedi per terra. I bianconeri possono vincere tutto o restare con un pugno di mosche. Sono sicuro che Croci Torti saprà tenere alta la concentrazione ed evitare cali di tensione.


Lei è rimasto molto legato al suo club. Anche se… 
Anche se non ho saputo realizzare un obiettivo. E cioè quello di diventare direttore sportivo. Eravamo nella fase iniziale dell’era Renzetti. Ci furono contatti ma capii subito che loro puntavano su un altro tipo di dirigente. Lavoravano con il mondo del calcio italiano e perciò io mi feci da parte. Poi entrai nel settore giovanile ma non durò molto. Prendevo una paga molto bassa per il tempo che dedicavo alla società. Era troppo poco. Ma in fondo anche quell’esperienza mi servì per crescere.


Tornando al suo passato di calciatore: dopo il Lugano, venne il Caen.
Dopo cinque anni in bianconero, era arrivato il momento di cambiare. Mi volle la squadra del tecnico svizzero Jeandupeux e il primo anno andò benissimo. Ero stato votato come secondo miglior calciatore straniero del campionato. Poi però ìl rapporto con il tecnico cambiò e le cose cominciarono ad andar male. In quel periodo non particolarmente felice mi mancava molto Lugano e la società. A posteriori dico che forse non avrei dovuto andarmene.


Poi altre squadre meno quotate e infine gli States.
Sono arrivato nel calcio americano con 15 anni di anticipo. Oggi le condizioni sono cambiate: c’è un campionato di buon livello, giocatori di classe e dal passato glorioso, una lega che promuove di continuo questo sport attraverso la scuola e, di conseguenza, gli stadi sono pieni. Senza contare che i salari sono triplicati.


Rimpianti?
A pensarci bene ne ho uno. Quello di aver fatto parte di una generazione di giocatori olandesi che definire fenomeni non mi pare esagerato. Non ci fossero stati Gullit, Van Basten, Vaneburg o altri ancora, avrei disputato almeno un campionato del mondo. Nulla di grave, comunque, visto che la maglia orange l’ho vestita tante volte nelle selezioni giovanili, nelle quali ho anche indossato la fascia di capitano.

M.A.

Guarda anche 

“Io allo United? Cantona picchiava i tifosi, Rooney andava con le nonne, Giggs con la cognata: mi sarei trovato benissimo”

LONDRA (Gbr) – Paul Gascoigne lo conosciamo: non ha peli sulla lingua, è uno spirito libero, un ex calciatore dal talento immenso, che ha sempre rappresentat...
11.06.2024
Sport

Calcioscommesse: Paquetà rischia la squalifica a vita

LONDRA (Gbr) – L’incubo del calcioscommesse torna minacciare in maniera clamorosa il calcio professionistico e ora sotto la lente d’ingrandimento c&rsqu...
07.06.2024
Sport

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Sabbatini, niente più campo in maglia bianconera

LUGANO - L’FC Lugano comunica che il contratto da giocatore di Jonathan Sabbatini, in scadenza il 30 giugno 2024, non verrà rinnovato. La societ&ag...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto