Sport, 03 maggio 2024

Di Stefano e Puskas ripudiati: scelta polemica ma vincente

Il trionfo delle Furie Rosse è un’occasione per “esaltare” il regime franchista

LUGANO - Quando l’UEFA decide di assegnare alla Spagna la fase finale degli Europei del 1964, il paese iberico è prigioniero di una dittatura che non ha nulla da invidiare a quelle sudamericane tristemente famose. Al potere c’è Francisco Franco, detto il Generalisimo, che governa con il pugno di ferro: i partiti sono aboliti, i giornali sono finiti nel mirino della censura e gli oppositori, soprattutto gli irriducibili, vengono eliminati. Dalla fine della guerra civile alla morte del Caudillo (dal 1939 al 1975) si calcola che almeno 150 mila persone siano state giustiziate dagli sgherri di Franco. Ma nel calcio, allora come oggi, queste cose non contano: del resto, quattro anni prima la fase decisiva era stata affidata all’URSS, che non era certo un esempio di virtù democratica. 



A differenza della rassegna del 1960, quella che si svolge in terra spagnola risulta tuttavia più interessante ed avvincente. La presenza di grandi campioni quali Suarez o Yashin sono sufficienti per entusiasmare gli animi di un pubblico caldo ed attaccatissimo al futbol. Intanto però fra le Furie rosse (la selezione locale) “infuria” la polemica.


Nei giorni precedenti la fase finale, in casa iberica soffia il vento della discordia. Il commissario tecnico Villalonga ha infatti deciso di lasciare a casa tre giocatori del Real Madrid. E che giocatori! Di Stefano, Puskas e Gento. I giornali della Capitale gridano allo scandalo chiedendo la testa del selezionatore il quale, però, tira dritto per la sua strada.


All’estetica concede soltanto Suarez e Amancio, per il resto squadra muscolare e tutta la grinta. Ecco il Villalonga pensiero: per vincere l’Europeo non basta la classe dei singoli. Nota bene: in quel momento Di Stefano e Puskas erano i migliori giocatori al mondo! Onore al coraggio e all’azzardo del CT, che alla fine avrà ragione. Insomma: la rivoluzionata Spagna affronta il proprio torneo accompagnata dai dubbi e dalle perplessita. Ma in suo aiuto arriva il regime che, detto per inciso, vede di buon occhio l’esclusione di Di Stefano e Puskas, cittadini spagnoli acquisiti e non di nascita.


Alla fase finale accedono la Spagna, la Danimarca, l’Unione Sovietica e l’Ungheria. Nei turni precedenti sono state eliminate Italia, Inghilterra, Francia e Jugoslavia. Dal canto suo la Germania Occidentale ha deciso di non partecipare alla rassegna continentale: una scelta dettata dal fatto che i massimi dirigenti federali preferiscono concentrarsi sul Mondiale. Mah… Comunque: i detentori del titolo sono i sovietici, che al quadrangolare finale si presentano nel ruolo di favoriti. A parte la presenza del portiere più forte al mondo (Lev Yashin) la squadra fa del collettivo la sua vera arma. Non è dunque un caso che in semifinale la Danimarca funga da vittima sacrificale. A Barcellona i danesi alla pausa sono sotto 2-0 (reti di Voronin e Ponedelnik). Nulla da fare, troppa la differenza in campo.


La Spagna, per contro, conquista la finalissima dopo i tempi supplementari: un percorso ben più tortuoso rispetto ai sovietici. Ma l’Ungheria può mangiarsi le mani per le diverse occasioni sprecate: il portiere basco Iribar ci mette più volte una pezza fermando le incursioni dei fuoriclasse magiari. Albert e Tichy. Încredibile ma vero! A decidere la sfida è dunque Amancio, e contro l’andamento del gioco.


Così sarà Spagna-URRS: una rivalità acerrima, e non solo calcistica, divide le due nazioni, che si guardano in cagnesco per ragioni politiche. In campo, però, i sovietici non hanno più lo smalto e l’organizzazione ammirata contro la Danimarca. Anzi, sembrano imbolsiti. Incassano una rete all’inizio da Pereda, poi quasi subito recuperano con Khusainov; reggono 45 minuti ma nel finale vengono castigati da Marcelino. L’afa, il gran caldo, ha fatto la differenza? Sembrerebbe così. Successo comunque meritato ed ispirato da Luis Suarez, centrocampista elegante e determinato che nel 1964 ottiene una doppia vittoria: Coppa dei Campioni con l’Inter, e Europeo con la Spagna. E l’opinione pubblica, che ha disapprovato l’esclusione di Puskas, Di Stefano Gento e del Sol, deve ricredersi. È, anche, una vittoria del dittatore Franco, che trova un ulteriore spunto per esaltare una presunta superiorità politica nazionale. Già ma questa è un’altra (triste) storia.

JACK PRAN

Guarda anche 

“Io allo United? Cantona picchiava i tifosi, Rooney andava con le nonne, Giggs con la cognata: mi sarei trovato benissimo”

LONDRA (Gbr) – Paul Gascoigne lo conosciamo: non ha peli sulla lingua, è uno spirito libero, un ex calciatore dal talento immenso, che ha sempre rappresentat...
11.06.2024
Sport

Calcioscommesse: Paquetà rischia la squalifica a vita

LONDRA (Gbr) – L’incubo del calcioscommesse torna minacciare in maniera clamorosa il calcio professionistico e ora sotto la lente d’ingrandimento c&rsqu...
07.06.2024
Sport

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Sabbatini, niente più campo in maglia bianconera

LUGANO - L’FC Lugano comunica che il contratto da giocatore di Jonathan Sabbatini, in scadenza il 30 giugno 2024, non verrà rinnovato. La societ&ag...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto