Svizzera, 14 aprile 2024

La Confederazione spende 60'000 franchi per una gita scolastica in India

Che un ente pubblico contribuisca al finanziamento di attività scolastica, come una gita, non è nulla di nuovo. Ma forse hanno esagerato all'istituto Alpenquai di Lucerna, dove un'intera classe si è recata a Trivandrum, una città costiera nel sud dell'India per un progetto di scambio. Il volo è durato dodici ore e il soggiorno dieci giorni. E sono stati i contribuenti svizzeri a finanziare gran parte di questo viaggio dall'altra parte del mondo. Movetia, l'agenzia nazionale per gli scambi e la mobilità finanziata dalla Confederazione, ha sostenuto i 22 studenti svizzeri e indiani nonché i due insegnanti con 62'720 franchi, scrive il media online Zentralplus.

Movetia ha pagato 1'100 franchi per ogni studente svizzero per viaggio e soggiorno. Le famiglie degli studenti hanno contribuito con 650 franchi per studente. Reto Knutti del Politecnico di Zurigo difficilmente capisce questo gesto. Secondo lui i voli rappresentano almeno il 20% delle emissioni di gas serra in Svizzera. E le autorità pubbliche devono dare l’esempio. La Confederazione si è posta l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO₂ del 50% entro il 2030, spiega il professore di fisica del clima.



E ha continuato: “Fondamentalmente, secondo me, non ci sono ragioni chiare per cui l’istruzione scolastica richieda il viaggio aereo”. Le competenze essenziali possono essere tutte trasmesse dalla Svizzera o da un paese vicino. Qualsiasi altra cosa sarebbe solo una scusa”.

Interpellato da Blick, il direttore di Alpenquai Hans Hirschi ammette che un viaggio del genere non è necessario per conseguire la maturità. Ma la scuola non lo nasconde: “Sì, esiste un conflitto di obiettivi tra lo scambio interculturale, che ha valore in un mondo globalizzato, e la protezione del clima. Bisogna valutare i pro e i contro”.

Il viaggio non era turistico ma faceva parte di un progetto scolastico a lungo termine, spiega Hirschi. I giovani svizzeri e indiani avrebbero avuto contatti online per mesi e avrebbero lavorato su progetti comuni. E poi c'è stato un vero e proprio scambio: “Se ascolto il feedback dei nostri studenti, questo viaggio è stato molto prezioso. Ed era possibile solo prendendo l’aereo”.Hirschi afferma che all'Alpenquai vige il principio “niente voli aerei” e che questa regola è soggetta a pochissime eccezioni. Il viaggio in India è stato uno di questi.

Guarda anche 

Karin Keller-Sutter vuole tagliare sussidi per miliardi di franchi

Le attività che vivono di sussidi federali rischiano di avere grosse difficoltà negli anni a venire. La Consigliere federale Karin Keller-Sutter vuole infat...
05.05.2024
Svizzera

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

Costruisce la sua villa da 20 milioni di dollari: non può viverci

BANGALORE (India) – Ha deciso di usare parte del suo patrimonio per farsi costruire una villa da mille e una notte, in cima a un grattacielo di 120 metri di altezza...
02.04.2024
Magazine

La Germania discrimina i pensionati svizzeri, per loro niente sussidi energetici

I pensionati svizzeri che vivono in Germania sono stati discriminati dal governo tedesco. Questa è la risposta chiara delConsiglio federale a una domanda posta da ...
28.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto