Sport, 14 marzo 2024

Ambrì, si spengono i riflettori: ai playoff ci va il Bienne

Niente da fare per i leventinesi battuti per 4-2 dai Seelanders in casa nel match di ritorno del secondo turno dei playin

AMBRÌ – Dall’euforia del 4-0 con cui stava dominando il derby d’andata valido per il primo turno dei playin – che stava facendo seguito a un finale di stagione a tutto gas – alla delusione dell’eliminazione per mano del Bienne nel secondo turno dei playin. La storia biancoblù si è ribaltata nel breve volgere di una settimana e ieri sera l’Ambrì, che nella post season non è più riuscito a vincere una partita, ha detto addio al sogno playoff, andando direttamente in vacanza. 

 
 
Dopo l’1-1 della Tissot Arena, quella di ieri della Gottardo Arena era una vera e propria gara-7, una gara secca, una gara decisiva, che il Bienne ha fatto sua entrando in maniera determinata e a tutto gas sul ghiaccio, trovando due reti in pochi secondi nei primi minuti della sfida. I ragazzi di Cereda, colpiti a freddo, hanno davvero faticato a rimettere sui giusti binari la contesa e, nonostante la seconda rete in due partite di Landry, ha sempre fallito l’aggancio.
 
 
Il Bienne, dal par suo, è riuscito a concretizzare quello che ha mostrato nelle ultime 2-3 settimane, ovvero da quando sulla panchina non siede più Matikainen, ma il direttore sportivo Steinegger. I Seelanders non hanno tremato, qualificandosi per i playin all’ultimo secondo, per poi battere il Ginevra e l’Ambrì, regalandosi ora un quarto di finale ostico, contro lo Zurigo, che per dare per scontato potrebbe essere un errore.
 
 
L’Ambrì… l’Ambrì ha sì centrato il suo obiettivo minimo stagionale, i playin appunto, ma ha di che mangiarsi le mani, perché è vero che anche in caso di vittoria nel derby casalingo, si sarebbe dovuto giocare tutto alla Cornèr Arena, ma ci sarebbe arrivato con 2 risultati utili su 3, e col morale alle stelle, a differenza di un Lugano che rischiava di scendere sul ghiaccio con tutta la pressione del mondo e con tutta la frustrazione di un ultimo mese davvero complicato.
 
 
Ma questo è lo sport, questo è l’hockey e bisogna guardare avanti: l’Ambrì dovrà analizzare dentro di se cosa non ha funzionato, le altre dovranno concentrarsi su un playoff e un playout che saranno sicuramente entusiasmanti ed esaltanti.

Guarda anche 

La maledizione continua: canadesi a secco da 31 anni

LUGANO - Si è trattenuto il fiato in Canada settimana scorsa. In tutto il Paese, da Vancouver a Montréal, dall’Oceano Pacifico a quello Atlantico...
02.07.2024
Sport

HCL, ecco il colpaccio: Thürkauf resta a Lugano

LUGANO – La telenovela è terminata ed si è conclusa nel migliore dei modi per il Lugano: Calvin Thürkauf ha deciso di restare sulle rive del Cere...
17.06.2024
Sport

C’è da esserne orgogliosi!

LUGANO – Inutile girarci intorno, ci avevamo fatto la bocca buona. Ci abbiamo creduto e col passare delle ore, ma anche dei minuti durante la partita, ci abbiamo cr...
27.05.2024
Sport

E ora portiamola a casa!

PRAGA (Rep. Ceca) - La Svizzera è in finale! Come nel 2013 e come nel2018. È la terza volta in 11 anni. Qualcosa significherà pur...
26.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto