Svizzera, 07 marzo 2024

Dal Consiglio degli Stati un avviso favorevole al ritorno al nucleare

Il Consiglio degli Stati ha accolto un postulato del presidente del PLR Thierry Burkart volto a prolungare la vita delle centrali esistenti e a studiare la possibilità di costruire nuovi impianti, per ogni evenienza . Questo nonostante il fatto che gli svizzeri abbiano votato a favore dell’abbandono dell’energia nucleare nel 2017 (con il 58,2% dei voti) sostenendo la strategia energetica 2050.

La consigliera agli Stati Céline Vara (Verdi/NE) ha anche ricordato che abbiamo “le più antiche centrali nucleari ancora in funzione in tutto il mondo. Beznau 1, possiede infatti il reattore più vecchio ancora in funzione ed è stato messo in servizio nel 1969 quando avrebbe dovuto avere una durata massima di 40 anni. Oggi ha 55 anni. Beznau 2 ha solo 2 anni meno. 60 anni sono sufficienti”.

Ma Thierry Burkart ritiene che la strategia energetica del 2050 “sia stata sviluppata su presupposti errati; non consentirà quindi di garantire adeguatamente la fornitura di energia elettrica. “La necessità di ulteriore elettricità è stata negata e il potenziale delle misure di risparmio è stato chiaramente sopravvalutato”. Propone quindi di prendere in considerazione nuovi impianti nucleari in caso di problemi di approvvigionamento in inverno. Il Consiglio federale dovrebbe considerare “uno scenario per la costruzione di nuove centrali nucleari nel caso in cui la realizzazione di altre capacità a basse emissioni proceda troppo lentamente”. Burkart è stato seguito con 30 voti a favore e 13 contro.



Per il Partito socialista, Mathilde Crevoisier (PS/JU) ha sottolineato le questioni finanziarie, ricordando che la Svizzera punta già sulle energie rinnovabili: “Noi lo sappiamo e lo sanno i difensori dell'energia atomica, che sono numerosi in questo Consiglio: il tecnologie di cui stiamo parlando, anche la sostituzione di componenti delle centrali elettriche, costi. Non sono ancora pronti. E' vero che si sta facendo della ricerca, ma si tratta di cifre mostruose, e credo che nell'attuale situazione finanziaria della Confederazione non abbiamo i mezzi per contare su due cavalli".

Il Consiglio federale, per voce di Albert Rösti, resta cauto: “L'accettazione del postulato non pregiudica la revoca del divieto di costruire nuove centrali nucleari. Tuttavia, prendere in considerazione lo scenario consente di prendere decisioni pienamente informate. Il Consiglio federale precisa inoltre che un eventuale ammodernamento delle centrali nucleari non deve gravare sulle finanze federali”.

Il postulato accettato non avrà tuttavia alcun impatto immediato sulla politica nucleare del Parlamento e della Svizzera. Un mese fa gli ambienti nucleari hanno presentato un'iniziativa popolare dal titolo: “Elettricità per tutti in ogni momento (Stop al blackout)”, che chiede il ripristino dell'energia nucleare. Il popolo dovrà votare di nuovo.

Guarda anche 

Macron vuole che la Svizzera finanzi le nuove centrali nucleari francesi

La Francia prevede la costruzione di sei nuove centrali nucleari entro il 2050. Questi i piani del presidente francese Emmanuel Macron. “Per la prima volta dopo dec...
10.04.2024
Svizzera

Il Consiglio degli Stati vuole espellere gli eritrei in un paese terzo

Gli eritrei che non possono essere espulsi perchè il loro paese d'origine non accetta il loro rinvio vanno rimandati verso paesi terzi. È quanto deciso ...
14.03.2024
Svizzera

In Parlamento fallisce (per ora) il ritorno del nucleare

La costruzione di impianti solari ed eolici deve essere accelerata e le possibilità di ricorso limitate. Il Consiglio nazionale ha accettato giovedì con 137...
22.12.2023
Svizzera

Il Consiglio federale riapre al nucleare e chiede al Parlamento di togliere il divieto di nuove centrali

Nonostante nel 2017 il 58% degli elettori svizzeri abbia approvato il divieto di costruire nuove centrali nucleari, il Consiglio federale starebbe per fare marcia indietr...
04.12.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto